Effetto Weinstein, Monica Bellucci: “Io molestata molte volte, avevo 16 anni”

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 novembre 2017 17:53 | Ultimo aggiornamento: 1 novembre 2017 17:53
Monica-Bellucci-molestie

Effetto Weinstein, Monica Bellucci: “Io molestata molte volte, avevo 16 anni”

ROMA – L’effetto Weinstein continua a svelare ogni giorno casi di molestie rimaste a lungo taciute. Così anche Monica Bellucci, icona sexy in tutto il mondo, ha raccontato la sua esperienza al quotidiano Il Messaggero. Le è successo “molte volte all’inizio della mia carriera – confessa – quando lavoravo nella moda”.

L’attrice italiana era giovanissima e indifesa: “Avevo 16 anni, sfilavo e andavo ancora a scuola. Ho imparato a difendermi prestissimo”.

Ma una volta approdata nel mondo del cinema, fortunatamente l’esperienza non si è riproposta. “Ci sono arrivata ben vaccinata dall’esperienza nella moda. Ho girato il mio primo film (Vita con i figli di Dino Risi, ndr) a 25 anni dopo aver sviluppato una diffidenza naturale. Tanto che certi registi mi dicevano: si ha paura ad avvicinarsi a te”.

La bellissima non ha però mai avuto il (dis)onore di incontrare Harvey Weinstein, il produttore di Hollywood travolto dallo scandalo e accusato di molestie da decine di donne: “Ho avuto la fortuna di approdare al cinema da adulta e certi comportamenti non mi hanno toccata”, ribadisce.

Ma cosa accade nella mente di una donna da convincerla a non denunciare: “La paura può paralizzare una donna. È un sentimento atavico – spiega Bellucci –  che fa parte del nostro Dna. Abbiamo imparato dalle nostre mamme, dalle nostre nonne, che non siamo credute quando urliamo, o quando denunciamo un sopruso”.

Monica Bellucci spiega dunque cosa si potrebbe fare per combattere questi abusi: “La violenza carnale, un atto brutale comune purtroppo a ogni guerra, genera vergogna. Oggi servono leggi, numeri verdi, ogni genere di supporto per incoraggiare le vittime ad uscire allo scoperto”.