Russia, terrorismo: due esplosioni in una centrale elettrica, due morti

Pubblicato il 21 luglio 2010 8:03 | Ultimo aggiornamento: 21 luglio 2010 8:28

Due esplosioni sono avvenute mercoledì mattina nella centrale idroelettrica russa di Baksan, nella repubblica autonoma della Cabardino-Balkaria, nel Caucaso russo, dopo un attacco da parte di sconosciuti che ha causato due morti. Lo hanno annunciato le agenzie di stampa russe citando esponenti delle locali forze dell’ordine.

”Alcuni sconosciuti – ha dichiarato un portavoce della polizia locale citato dall’agenzia Ria-Novosti – hanno fatto irruzione nella centrale di Baksan, uccidendo due guardiani. Poi hanno fatto detonare due ordigni esplosivi”. Altre due persone sono rimaste ferite.

”Secondo le prime notizie è stato un attacco terroristico”, ha detto a Ria-Novosti un funzionario del gruppo Rushydro, che gestisce la centrale. Una fonte delle forze dell’ordine locali – citata da Interfax – ha detto che le esplosioni hanno danneggiato due dei tre generatori dell’impianto.