Cronaca Europa

Attentato in Germania, Amri aveva un infiltrato nella polizia: doppio gioco?

anis-amri

Attentato in Germania, Amri aveva un infiltrato nella polizia: doppio gioco?

BERLINO – Attentato in Germania, Anis Amri aveva un infiltrato nella polizia: doppio gioco? Un infiltrato dell’ufficio criminale del Land del Nord Reno Vestfalia potrebbe avere avuto un ruolo nell’attentato del mercatino di Natale di Berlino del 2016. Di questo si parlerà nella nuova commissione di inchiesta sul caso Amri di Duesseldorf, lo riferisce il presidente Joerg Geerlings.

Secondo fonti di stampa, la radio RBB e il quotidiano Berliner Morgenpost, l’informatore avrebbe incitato gli islamisti del gruppo di Amri a compiere attentati. Lo rivelano gli avvocati della difesa degli islamisti del gruppo di Abu Walaa.

Per di più, in un rapporto interno dei servizi segreti del Nord Reno Vestfalia, si riporta la dichiarazione di un islamista, secondo il quale l’infiltrato “avrebbe cercato un uomo affidabile per un attentato con un camion”. Le nuove rivelazioni riaprono le polemiche sulle falle dell’intelligence tedesca emerse nel caso dell’attentato del mercati di Natale, e sui molti errori commessi dagli organi inquirenti, oggetto di un’inchiesta speciale a Berlino.

“Va chiarito se l’uomo abbia spinto per l’attentato, o sia espresso sull’attentato, come è tipico nella scena islamica”, ha affermato Burkard Dregger, che presiede la commissione berlinese. Per l’esponente verde, della stessa commissione, Monika Ducker, vanno chiarite adesso tutte le contraddizioni emerse sul caso del cosiddetto V-Mann (che significa uomo di fiducia).

“Non è da escludere che l’uomo abbia fatto il doppio gioco”, ha affermato la Ducker. Il tunisino Anis Amri si lanciò con un camion contro la folla del mercatino della chiesa della Memoria, nella capitale tedesca, uccidendo 12 persone, il 19 dicembre scorso. Fu poi fermato e ucciso dalla polizia italiana, durante un controllo alle porte di Milano.

To Top