“Abbigliamento bimbi”, falsa pagina Facebook per rapimenti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Marzo 2016 7:22 | Ultimo aggiornamento: 25 Marzo 2016 21:38
"Abbigliamento bimbi", falsa pagina Facebook per rapimenti

“Abbigliamento bimbi”, falsa pagina Facebook per rapimenti

LONDRA  Due ragazze di età compresa tra 17 e 18 anni hanno ammesso la creazione di un falso profilo Facebook che offriva gratuitamente abbigliamento per bambini e per mamme in modo da poter rapire i loro bambini. Una delle ragazze  ha anche finto di essere un’assistente sociale per cercare di sequestrare un bambino in casa della madre.

Gli aspiranti rapitori ingannavano i genitori condividendo i contatti su Facebook in modo da poter fare una selezione degli “obiettivi”.
Le ragazze sono apparsi al Derby Youth Court la scorsa settimana e hanno ammesso di aver cospirato per rapire i bambini, con il nome S., W. e U., tra il 14 settembre e il 23 dello scorso anno.
Sono stati catturate dopo che la madre del bambino U., da Normanton, Derby, ha chiamato la polizia, il 21 settembre, dopo che una delle ragazze si è presentata alla sua porta come assistente sociale.

Una volta all’interno le aspiranti rapitrici hanno chiesto di tenere il bambino e, quando lei gliel’ha messo tra le braccia, la ragazza ha detto che voleva portarlo via per un check-up medico.
Ma la madre si è insospettita e dopo che la ragazza l’ha lasciato ha chiamato la polizia.

Gli investigatori hanno trovato la pagina di Facebook della ragazza, di 18 anni, di Evesham, Worcestershire, e la diciassettenne di Wolverhampton, West Midlands.
Una settimana le due sono stati arrestate con l’accusa.
La giuria ha sentito che le ragazze avevano complottato di rapire altri due bambini a Huddersfield e Wolverhampton.
Il sergente Duncan Gouck, della polizia di Derbyshire, ha detto:”E’ stato molto straziante pensare a ciò che sarebbe potuto succedere, considerando l’età dei bambini e l’impatto immenso che avrebbe potuto avere sulle famiglie”.

“La nostra squadra ha lavorato instancabilmente sul caso e abbiamo messo tutto il resto in attesa. Le imputate sono state arrestate nel giro di una settimana”.
“Non pensiamo che l’intenzione fosse quella di rapire tutti e tre i bambini, ma stavano cercando di selezionare diversi target”.
Hanno creato un profilo falso su Facebook, che hanno usato per contattare le madri.
Il loro piano era quello di guadagnare la fiducia delle madri in modo da poter ottenere i loro contatti. Non siamo al 100 per cento sicuri su come hanno identificato le nuove madri”.

Primo obiettivo delle ragazze era stato il bambino W., a Huddersfield.
“Tuttavia, questo non è mai andato oltre il contatto su Facebook. Prima era il caso Derby e poi il bambino a Wolverhampton.
“Nel momento in cui la ragazza più grande è stata arrestata, ha detto alla polizia che era incinta, ma col passare del tempo ci siamo resi conto che stava fingendo, e noi crediamo che l’intenzione era quella di prendere un bambino, fingendo fosse il suo”.
“Questo caso era unico per noi nella sua natura e per la gravità. Vorrei dare atto alle famiglie delle vittime per la forza di carattere che hanno dimostrato”.