Amanda Knox contro Italia: sentenza della Corte Europea. Lei dice che fu maltrattata…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 gennaio 2019 10:46 | Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2019 11:37
Amanda Knox contro l'Italia: sentenza della Corte Europea. Lei dice che fu maltrattata...

Amanda Knox contro Italia: sentenza della Corte Europea. Lei dice che fu maltrattata… (foto d’archivio Ansa)

ROMA – E’ attesa per oggi la pubblicazione della sentenza da parte della Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo a cui Amanda Knox si è appellata accusando l’Italia di aver violato il diritto europeo sull’equo processo, quando era imputata per l’omicidio di Meredith Kercher, sua coinquilina a Perugia.

La Knox, 31 anni, sostiene inoltre di aver subito durante l’interrogatorio il 6 novembre 2007 maltrattamenti da parte della polizia – sarebbe stata schiaffeggiata più volte – sottoposta a pressioni psicologiche e le sarebbe stato negato un interprete indipendente e professionista. Non solo, è stata costretta a parlare quando “era incapace di mostrare discernimento o forza di volontà”. 

L’omicidio di Meredith Kercher, studentessa all’Università di Leeds, che a Perugia frequentava un corso di lingue, per diversi anni è stata al centro dell’attenzione dei media esponendo il sistema giudiziario italiano a critiche internazionali.

Knox, studentessa di lingue, e l’ex fidanzato Raffaele Sollecito, furono inizialmente accusati di aver aggredito sessualmente e ucciso la coinquilina di Amanda. Kercher fu accoltellata al collo.

Nel 2009, la Knox è stata condannata da un tribunale italiano per aver falsificato un furto nell’appartamento di Perugia, violenza sessuale, omicidio e diffamazione. È stata condannata a 26 anni di carcere. Anche Sollecito era stato riconosciuto colpevole e condannato a 25 anni.

Entrambi hanno fatto ricorso alla sentenza e nel 2011, la corte d’appello di Perugia ha assolto la coppia delle accuse più gravi, ma ha confermato la condanna di Knox per calunnia.

Dopo tre anni di detenzione, la Knox è stata rilasciata ed è tornata negli Stati Uniti. Ha fatto nuovamente ricorso ma nel 2014 dalla Corte d’Appello di Firenze è stata condannata a una pena di 28 anni e sei mesi.

L’anno successivo la condanna per omicidio fu di nuovo annullata dalla corte di cassazione ma l’accusa di calunnia è rimasta. L’ivoriano Rudy Guede sta scontando una condanna a 16 anni per l’omicidio in concorso e la violenza sessuale sulla Kercher.

La Knox ha sempre negato qualsiasi coinvolgimento nell’omicidio.