Amore al tempo del Covid, assessorato catalano: “Meglio all’aria aperta”. Ma non è illegale?

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Settembre 2020 14:28 | Ultimo aggiornamento: 17 Settembre 2020 14:28
Amore al tempo del Covid, assessorato catalano: "Meglio all'aria aperta"

Amore al tempo del Covid, assessorato catalano: “Meglio all’aria aperta”. Ma non è illegale?

L’amore al tempo del Covid? Meglio farlo all’aria aperta. E’ il consiglio, bizzarro e contro la legge, dell’Assessorato alla Salute della Catalogna.

Cosa succede alla sessualità ai tempi del Covid? Anche se tracce del virus sono state identificate all’interno del liquido seminale e delle feci dei pazienti contagiati, il Covid non può essere considerato una malattia sessualmente trasmissibile come, ad esempio, l’Aids.

Il problema principale è come ridurre i rischi di contagio quando si hanno rapporti sessuali.

C’è chi come il Canada ha consigliato, per chi avesse rapporti al di fuori della sfera famigliare, di usare la mascherina. Un accorgimento però poco adatto sotto le lenzuola.

Alla domanda ha provato a rispondere l’Assessorato alla Salute della Catalogna, che ha pubblicato una serie di faq con le relative misure da seguire.

Le faq dell’Assessorato

Nel documento pubblicato si trovano molti suggerimenti, molti dei quali fin troppo scontati.

“Il ses*o occasionale aumenta il rischio di contagio, meglio farlo con un partner fisso di cui conosciamo abitudini e contatti”.

O, ancora, “non tutti corrono lo stesso rischio: chi ha più di 65 anni o soffre di patologie pregresse può sviluppare forme gravi di Covid”.

Alla domanda “quali siano le attività sessuali sicure“, la risposta fa sorridere: “Le uniche sicure sono quelle senza contatto fisico con gli altri: masturbazione, sexting e videochiamate”.

Infine, quando si parla se esiste anche una pericolosità nel luogo in cui si hanno rapporti, la risposta dell’Assessorato va contro quello che la legge (anche spagnola) impone.

“Per ridurre il rischio di contagio da Covid si consiglia di fare l’amore in luoghi aperti, ampi e con una buona ventilazione”. (fonte LEGGO)