Arsenico nell’acqua, la Ue potrebbe chiudere i rubinetti in 128 Comuni

Pubblicato il 22 Novembre 2010 13:04 | Ultimo aggiornamento: 22 Novembre 2010 13:04

L’Unione europea ha detto no, non concederà una deroga all’innalzamento dei limiti dell’arsenico nell’acqua potabile, come aveva chiesto l’Italia. Il limite deve essere di 10 microgrammi per litro, non di 50 come vorrebbe il nostro Paese.

Ora però a rischiare sono 128 Comuni italiani, sparsi su 5 regioni, con una particolare concentrazione nel Lazio con 91 comuni a rischio. Qual è il rischio? Che Bruxelles possa chiudere i rubinetti a questi Comuni perché l’acqua non è più ritenuta potabile.

L’arsenico viene infatti ritenuto una sostanza velenosa che in quantità superiori ai limiti può incentivare l’insorgenza di tumori. Ora i Comuni potrebbero correre ai ripari e installare filtri negli acquedotti. Mentre sempre più persone si attrezzano con i depuratori domestici.