Grecia: spesa razionata, bus gratis, tetto prelievo 60 euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Giugno 2015 14:28 | Ultimo aggiornamento: 29 Giugno 2015 15:51
Atene, la lunga settimana prima del referendum: banche chiuse, bus gratis

Atene, la lunga settimana prima del referendum: banche chiuse, bus gratis

ATENE – Lunedì mattina, in Grecia è il primo giorno di banche chiuse, il primo di una settimana di attesa. Quella del referendum indetto dal premier Tsipras per domenica 5 luglio, attraverso il quale i greci dovranno decidere se accettare il piano europeo oppure no. Nel frattempo i greci affrontano giorni di spesa razionata, bus gratis, bancomat col contagocce.

Il lunedì mattina si apre con le banche chiuse. Hai bisogno di contante? Puoi prelevare al massimo 60 euro, oggi.

In realtà nessuno è stato colto di sorpresa, i greci hanno ritirato in massa i soldi dalle banche. La conseguenza è che gli istituti di credito non hanno liquidità, i soldi sono finiti tutti sotto al materasso dei greci. In compenso la Bce ha confermato il tetto di 89 miliardi dei prestiti, vincendo le resistenze della Banca centrale tedesca che voleva abbassarlo. Domenica sera, racconta il reportage dell’inviato di Repubblica Ettore Livini, c’era la fila alle pompe di benzina.

Non vogliono pagamenti con carta, solo contante, ma giurano di avere rifornimenti a sufficienza. Si compra poco, lo stretto necessario, e economico. Pollo, per intenderci, e non filetto di manzo. Per alleviare un minimo la situazione Tsipras ha reso gratuiti i mezzi di trasporto pubblici fino al 5 luglio. Gli stranieri presenti in Grecia non subiranno il limite dei 60 euro massimo sui prelievi. Cosa che non dovrebbe scoraggiare i nuovi arrivi.