Attentati Parigi, El Kaddouri: “L’Islam è un’altra cosa”

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 Novembre 2015 14:40 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2015 14:40
Attentati Parigi, El Kaddouri: "L'Islam è un'altra cosa"

Attentati Parigi, El Kaddouri: “L’Islam è un’altra cosa”

ROMA –“Not in my name”, scrive il calciatore Omar El Kaddouri. Il centrocampista del Napoli e della nazionale marocchina, ha scritto un messaggio su Instagram per ricordare le vittime delle stragi di Parigi e per ricordare a tutti che essere musulmano non significa, ovviamente, essere anche un terrorista. E nemmeno un simpatizzante. Ecco il messaggio del calciatore su Instagram.

“Ieri sera l’umanità è stata attaccata da assassini fanatici, nulla hanno a che fare con l’Islam e con noi musulmani. Chi ora dissemina messaggi di razzismo verso tutta la comunità islamica forse non ha capito nulla di ciò che è veramente l’Islam…”, ha aggiunto il giocatore, che ha anche pubblicato una foto con la scritta su fondo nero “pray for Paris”.

I commenti sembrano tutti schierati a favore del campione. Ma El Kaddouri anche in passato ha voluto prendere le distanze dal fanatismo. Nel gennaio scorso, dopo la strage del Charlie Hebdo, aveva digitato:

“Questa non è religione. Imparate e fare la differenza”. Erano le parole che campeggiavano in francese sulla vignetta che El Kaddouri aveva pubblicato allora sul suo account Twitter. Il calciatore, che ha cittadinanza belga, ha voluto esprimere il suo sdegno nei confronti della prima strage parigina. Il disegno era diviso in due parti: in alto c’era un kalashnikov con la scritta “Ceci n’est pas une religion”. In basso invece alcuni fedeli in ginocchio in preghiera rivolti alla Mecca. Tra di loro uno con un mitra sulla schiena e girato dalla parte opposta.