Attentato Berlino: polacco sul camion ucciso da colpi d’arma da fuoco

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 dicembre 2016 10:56 | Ultimo aggiornamento: 20 dicembre 2016 10:57
Attentato Berlino: polacco sul camion ucciso da colpi d'arma da fuoco

Attentato Berlino: polacco sul camion ucciso da colpi d’arma da fuoco (foto Ansa)

BERLINO – Il polacco che era sul tir a Berlino come passeggero è morto perché colpito da colpi di arma da fuoco. Lo riferisce il sito dell’emittente N-Tv citando il ministro dell’Interno del Brandeburgo, Karl-Heinz Schroeterun che partecipava a una teleconferenza di ministri dell’Interno regionali tedeschi. Nell’attentato al Mercatino di Natale sono morte almeno 12 persone, mentre i feriti sono più di 50, tra cui alcuni molto gravi.

Intanto la leader del partito nazional-populista Alternative fuer Deutschland (Afd), Frauke Petry, ha detto che “la Germania non è più sicura” e che sarebbe dovere di Angela Merkel comunicarlo ai cittadini. Lo riporta la Dpa. Commentando l’attentato al mercatino, Petry ha indirettamente attaccato il governo sostenendo che “l’ambiente in cui un tale atto può prosperare è stato colposamente e sistematicamente importato nell’ultimo anno e mezzo”

In un giorno come questo “non abbiamo alcun interesse a dire che avevamo ragione”, ha poi aggiunto Petry che ha chiesto che “i confini tenuti aperti in maniera così irresponsabile siano finalmente di nuovo controllati”. Anche il suo vice Alexander Gauland ha ribadito l’importanza “di controllare di nuovo i confini in modo che nessuno possa entrare illegalmente e fornire diverse identità”.