Beatrix “Trixie” Hart, promessa della musica si uccide a 16 anni. Famiglia: “Vittima di bullismo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 novembre 2018 13:34 | Ultimo aggiornamento: 21 novembre 2018 13:35
Beatrix Trixie Hart

Beatrix “Trixie” Hart, promessa della musica si suicida a 16 anni. Famiglia: “Vittima di bullismo”

LONDRA – Non riusciva più a sopportare i continui e feroci attacchi che le arrivavano soprattutto online. Così, Beatrix “Trixie” Hart, una ragazzina inglese di 16 anni si è tolta la vita. 

I familiari della ragazza sono riusciti a far aprire un’inchiesta e intanto è stata la nonna di Trixie a parlare del talento della nipote scomparsa e della sua tragica fine.

Trixie veniva descritta come una ragazza dotata di una voce straordinaria. Grazie al suo talento aveva partecipato anche al Britain’s Got Talent e spesso si esibiva come cantante. Ma era anche una ragazza insicura e fragile, che aveva avuto nella sua breve vita diversi problemi e a cui quando era ancora una bambina avevano diagnosticato dei disturbi della personalità. 

Secondo la nonna subiva atti di bullismo da parte di ragazzi della sua età ma anche da parte di adulti, ad esempio i genitori di alcuni cyberbulli. In tanti la insultavano anche per via del suo aspetto e le dicevano che era brutta.

Qualche tempo fa la 16enne, ferita dagli insulti arrivati su Facebook, aveva deciso di cancellare il suo account. Ma neppure questo l’aveva aiutata a soffrire di meno.

“Mia nipote aveva problemi radicati e molto difficili da gestire. Questi problemi, però, non sono stati causati dai social media, anche se sicuramente hanno contribuito a peggiore la sua depressione e la sua instabilità mentale”, ha detto la nonna secondo cui la nipotina era stata fraintesa “in maniera orribile”.