Belgio in sciopero generale contro la riforma delle pensioni

Pubblicato il 22 Dicembre 2011 11:03 | Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre 2011 11:23

BRUXELLES – Belgio paralizzato dallo sciopero generale del pubblico impiego che protesta contro la riforma delle pensioni in discussione oggi in Parlamento. Niente trasporti, treni internazionali compresi, uffici pubblici, ospedali, scuole, prigioni e tv di Stato e il paese e' bloccato soprattutto dal grande traffico sulle autostrade, dove si segnalano 150 chilometri di coda (complessivamente su tutte le tratte).

La protesta e' per la riforma del sistema pensionistico presentata dal nuovo governo di Elio Di Rupo insediato il 6 dicembre, nel pacchetto che cerca di ridurre gli elevati deficit e debito del Paese dopo il downgrading delle agenzie di rating.

Secondo il disegno di legge, l'eta' per le pensioni di anzianita' non cambia, resta a 65 anni, ma sale da 60 a 62 quella per le ''pensioni anticipate'', molto diffuse in Belgio.

Le pensioni anticipate saranno ridotte e saranno anche resi piu' stringenti i vincoli per poterle chiedere. Inoltre, via a tutti i regimi speciali oggi esistenti per numerose categorie di professionisti.

Per i sindacati, l'adesione alla protesta e' molto alta, tanto da poter definire lo sciopero ''un grande successo''.