Berlino, meningite al KitKat Club: grave un uomo. L’allarme del locale

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 ottobre 2018 15:43 | Ultimo aggiornamento: 9 ottobre 2018 15:43
berlino meningite

Berlino, meningite al KitKat Club: grave un uomo. L’allerta del locale

BERLINO – Un uomo è stato trovato positivo a una malattia infettiva virale. Si tratta della meningite meningococciga che ha già affettato alcune persone presenti alla discoteca del sess0. Si tratta del KitKat Club di Berlino e a darne l’allarme è proprio la pagina Facebook del locale.

“Tutte le persone che sabato 29 settembre si trovavano al club KitKatClub nella Kopenicker Strasse, si devono recare subito da un medico. Il distretto di Reinickendorf ha dato l’allarme e reso noto il caso di una meningite meningococciga appartenente a uno dei gruppi A, C, Y, W135, che in quella circostanza ha contagiato alcune persone presenti nel club”. 

La discoteca KitKatClub, punto di riferimento della movida hard di Berlino, sta vivendo momenti di paura per quanto sta avvenendo. Alcuni dipendenti sarebbero stati contagiati dall’uomo che, nel corso della serata, sarebbe entrato in contatto con diverse persone.

Ma di che malattia si tratta? La meningite meningococcica è una malattia batterica acuta provocata da Neisseria meningitidis. Si tratta di una patologia molto grave, caratterizzata, dopo un periodo di incubazione di 1-10 giorni, da un esordio improvviso, con febbre, cefalea intensa, rigidità nucale, nausea, vomito e frequente esantema. Responsabili della malattia, nella maggior parte dei casi, sono i microrganismi di gruppo A, B e C. Nei paesi in cui la malattia è endemica, il 5-10% della popolazione può essere portatore asintomatico del batterio a livello delle prime vie respiratorie. 

La prognosi è infausta per la quasi totalità dei pazienti non trattati, tra i quali si raggiunge una mortalità vicina al 100%. Con una diagnosi precoce, invece, seguita da una corretta terapia e da misure di sostegno, nella maggior parte dei casi si ha una rapida guarigione senza postumi: il tasso di letalità, in questo caso, varia tra il 5 e il 10%.  La malattia colpisce soprattutto in Italia.

Nel solo 2015 i dati del sistema di sorveglianza delle meningiti dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) rilevano che nell’intera popolazione italiana, composta da circa sessanta milioni di abitanti, sono stati segnalati 196 casi di malattia invasiva causati dal Meningococco. La malattia, anche se non sembrerebbe molto diffusa, rimane comunque tra le più temibili, sia per la rapida evoluzione sia per i possibili esiti permanenti (quali ad esempio: mutilazioni degli arti, cicatrici, sordità, ritardo mentale, danni renali, etc.).