Brexit. Studio bipartisan, May deve tutelare diritti cittadini Ue in Gb

Pubblicato il 12 dicembre 2016 12:57 | Ultimo aggiornamento: 12 dicembre 2016 12:57
Theresa May

Theresa May

GB, LONDRA – Il governo di Theresa May deve porre fine all’incertezza sul futuro dopo la Brexit dei cittadini europei nel Regno Unito garantendo che quanti vivono stabilmente nel Paese quando sarà avviato l’iter di divorzio da Bruxelles possano rimanere.

E’ quanto afferma un rapporto bipartisan, sostenuto da rappresentanti delle campagne Remain e Leave, oltre a imprese e sindacati.

Nello studio si legge anche che chi può dimostrare di vivere nel Paese da almeno cinque anni deve vedersi offerta la residenza permanente. Redatto dal think tank British Future, il rapporto è stato voluto fra gli altri da Gisela Stuart, deputata laburista che si era fortemente impegnata col fronte euroscettico nella campagna referendaria.

“La Gran Bretagna deve affermare chiaramente all’inizio dei negoziati sulla Brexit che i cittadini europei che sono qui prima di quella data possono rimanere”, ha detto la parlamentare. Il governo May ha più volte ribadito invece il principio di reciprocità, chiedendo che allo stesso tempo vengano garantiti i diritti degli expat britannici nei Paesi Ue.