Bulgaria. Agricoltori in protesta bloccano il centro di Sofia

Pubblicato il 6 Dicembre 2011 21:03 | Ultimo aggiornamento: 6 Dicembre 2011 21:05

SOFIA – Circa tremila produttori di cereali e quasi 200 trattori affluiti nella capitale dall'intera Bulgaria hanno oggi bloccato il centro di Sofia in segno di protesta contro il taglio delle sovvenzioni previsto nel progetto della finanziaria 2012.

I manifestanti mostravano cartelli con le foto del premier Boyko Borissov, del ministro delle Finanze Simeon Dyankov e del ministro dell'Agricoltura Miroslav Naydenov e con le scritte 'Dimissioni!', 'Basta con le bugie, dateci quello che avete promesso!', 'Quanto ancora del nostro sangue vorreste succhiare?', 'Chi semina vento raccoglie tempesta', ''Dyankov, vattene negli Usa da dove sei venuto!'.

I produttori di cereali protestano in tutta la Bulgaria ormai da una settimana contro la riduzione nel progetto di finanziaria 2012 di oltre il 40% delle sovvenzioni gia' concordate in primavera tra governo e organizzazioni settoriali.

''Non possiamo accettare un taglio di 120 milioni di euro per arbitrio di Dyankov, il quale ha dichiarato ieri che tra un anno e mezzo, finito il mandato del governo, andra' a vivere fuori della Bulgaria'', ha dichiarato il presidente dell'Associazione nazionale dei produttori di cereali Anghel Vukodinov.

''Non vogliamo che ci governi un ministro che non pensa al futuro in Bulgaria dei nostri figli'', ha aggiunto. Domani le proteste a Sofia continuano.