Caldo? Quando ci sono dai trenta gradi in su non si lavora più: proposta di legge Gb

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 luglio 2015 20:03 | Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2015 20:03
Caldo? Quando ci sono dai trenta gradi in su non si lavora più: proposta di legge Gb

Foto d’archivio

LONDRA – “Quando ci sono dai trenta gradi in su non si lavora più”. Questa la proposta di legge in Gran Bretagna. Le temperature afose di questi giorni hanno spinto una parlamentare a presentare una proposta di legge che consentirebbe di interrompere l’attività professionale se l’ambiente di lavoro supera i 30 gradi, oppure i 27 in caso di mestieri pesanti.

La mozione è stata presentata dalla laburista Linda Riordan e firmata da altri 17 parlamentari. Secondo quanto riporta il testo di legge “le persone che lavorano in posti particolarmente esposti al calore come i panifici o le aule scolastiche dovrebbero smettere di lavorare qualora diventassero troppo caldi e dunque dannosi per la salute”.

Fabbriche e uffici surriscaldati possono portare “disagio, stress, irritabilità e mal di testa, affaticamento del cuore e dei polmoni, vertigini, svenimenti e crampi dovuti alla mancanza di acqua e sali”, dice la Riordan ricordando che questi stati fisici possono allentare l’attenzione e portare a incidenti sul lavoro. La proposta ha raccolto i favori dei sindacati che sperano nell’approvazione della legge.