Cecenia/ Uccisa la giornalista Natalia Estemirova, aveva vinto il premio Politkovskaja

Pubblicato il 15 Luglio 2009 18:58 | Ultimo aggiornamento: 15 Luglio 2009 18:58

Una morte che assomiglia a un’esecuzione. È stata trovata senza vita la giornalista cecena Natalia Estemirova, scomparsa da Grosny questa mattina. Uccisa a colpi di arma da fuoco a ritrovata in un bosco a Gazi-Ur, nei pressi di Nazran. La donna da anni si occupava di raccogliere materiali e testimonianze sulle violenze, i rapimenti, le torture accadute dopo la seconda guerra voluta da Putin nel 1999. Secondo un collega della donna, la Estemirova di recente avrebbe denunciato un’esecuzione arbitraria, irritando molto le autorità filorusse.

Secondo testimoni oculari, la donna questa mattina è stata spinta con la forza in un’auto mentre usciva di casa. Poi, il ritrovamento.

Di recente aveva ritirato a Londra il premio intitolato a Anna Politkovskaja dedicato alle donne che si battono per il rispetto dei diritti umani in guerra. «La Cecenia è parte dell’Europa, non potete dimenticarci », aveva detto in quell’occasione, «L’Occidente non può e non deve voltare le spalle al popolo ceceno».

Il presidente russo Medvedev si è detto indignato per l’assassinio: «L’omicidio di Natalia Estemirova è stato riferito al presidente – ha detto un portavoce del Cremlino-. Ha espresso la sua indignazione per la morte e ha ordinato al capo della commissione d’indagini insieme all’ufficio del procuratore Alexander Bastrykin di fare tutto il possibile per investigare sull’assassinio. Sfortunatamente sembra possibile che si tratti di un omicidio premeditato legato alle sue attività per la difesa dei diritti umani».