Chernobyl, i selfie volgari del turismo di massa. L’autore della serie HBO: “Siate rispettosi”

di Maria Elena Perrero
Pubblicato il 14 giugno 2019 12:33 | Ultimo aggiornamento: 14 giugno 2019 12:48
Chernobyl, i selfie volgari del turismo di massa. L'autore della serie HBO: "Siate rispettosi"

Chernobyl, i selfie volgari del turismo di massa. L’autore della serie HBO: “Siate rispettosi” (Foto Instagram)

MILANO – Chernobyl come Auschwitz: luogo di tragedia che diventa set per gli shooting fotografici di fanatici del selfie. Il successo della miniserie tv prodotta da Sky ed HBO sulla peggior catastrofe nucleare mai avvenuta ha fatto decollare il turismo di massa nei luoghi dell’incidente. E sui social sono iniziate a circolare fotografie che nulla c’entrano con quei luoghi: dai selfie pseudo-sexy a quelli fintamente scherzosi. 

Ben poco resta del racconto di Svetlana Alexevic e della sua Preghiera per Chernobyl, libro al quale la serie è ispirata. Oggi i luoghi desolati attorno a Prypjat sono parte dei tour organizzati più gettonati per chiunque vada in Ucraina, come spiega Reuters, che ha interpellato a riguardo alcune agenzie turistiche del posto. E tutte confermano aumenti tra il 30 e il 40% delle visite alla Zona di Alienazione, come è chiamata l’area attorno all’ex centrale nucleare. 

L’incidente del 26 aprile del 1986 fece morti, soprattutto a lungo termine, e distruzione, rendendo inabitabile l’intera zona, da cui migliaia di persone fuggirono, lasciano quella che oggi appare come una città fantasma.

5 x 1000

Il sito è visitabile da otto anni, ma solo adesso è tra le mete più ambite. E sul turismo di massa e le sue brutte abitudini è intervenuto anche Craig Mazin, autore della serie tv: “E’ fantastico che la serie abbia ispirato un’ondata di turismo nella Zona di Alienazione. Ma ho visto le foto che girano. Se visitate quei luoghi, per favore ricordate che lì è avvenuta una terribile tragedia. Comportatevi con rispetto per coloro che hanno sofferto e che si sono sacrificati”. (Fonti: Reuters, Instagram)