Circoncisione legale in Germania, solo “secondo regole e per motivi religiosi”

Pubblicato il 10 Ottobre 2012 14:17 | Ultimo aggiornamento: 10 Ottobre 2012 14:17

BERLINO – In Germania la circoncisione per motivi religiosi resterà legale. Un disegno di legge approvato mercoledì mattina dal governo tedesco, al termine di un acceso dibattito andato avanti per settimane, consente in fatti l’operazione. In una sentenza risalente a maggio il tribunale di Colonia aveva giudicato punibile per legge la circoncisione realizzata per motivi religiosi, scatenando così le forti proteste della comunità ebraica e di quella musulmana.

Il testo licenziato dal governo Merkel prevede che la circoncisione non sarà punibile, a determinate condizioni: dovrà essere effettuata “secondo le regole dell’arte medica”, i genitori dovranno essere informati in anticipo sui pericoli e dare il loro consenso, il “benessere del bambino” non dovrà essere messo a rischio.

Il disegno di legge stabilisce poi che nei primi sei mesi di vita del bambino l’intervento potrà essere compiuto anche da persone che sono state appositamente formate a tale scopo, pur non essendo dei medici.

Si tratta di un’apertura alle richieste della comunità ebraica: nella religione ebraica la circoncisione rituale viene realizzata otto giorni dopo la nascita da un medico oppure da uno specialista, il mohel, che non deve essere necessariamente un medico.