Colpo di sonno alla guida, auto contro il camion: uccide così il suo fidanzato ventenne

di Caterina Galloni
Pubblicato il 23 Luglio 2019 6:00 | Ultimo aggiornamento: 22 Luglio 2019 18:05

(Foto d’archivio)

ROMA – Un colpo di sonno le è costato due anni di prigione: Hannah Bowman, 21 anni, si è addormentata mentre era al volante della sua auto insieme al fidanzato 20enne Jordan Wilson. Ha perso il controllo della vettura che si è schiantata contro un camion e il giovane ha perso la vita.

I fatti risalgono al 2018 a Whitehaven, in Cumbria: la sera precedente all’incidente la coppia aveva bevuto nei pub intorno alla città. All’alba la giovane si era messa al volante nonostante la sorella di Jordan le avesse detto che era “stupido e pericoloso” guidare dopo aver dormito poco ma il consiglio è stato ignorato. 

Un’automobilista che guidava dietro Bowman, in tribunale ha testimoniato che la Suzuki Swift stava procedendo “molto lentamente” poi è andata sulle strisce bianche centrali di una strada di campagna, ha sterzato è tornata indietro, ha sterzato nuovamente e si è scontrata frontalmente con un camion.  Nello schianto, Wilson ha riportato dei traumi maggiori multipli ed è morto due giorni dopo al Royal Victoria Infirmary di Newcastle.

Bowman, che inizialmente sembrava essere uscita incolume, in seguito ha sviluppato gravi problemi alla schiena e al collo, all’arrivo della polizia ha fatto l’alcol test che è risultato negativo. In un’udienza precedente aveva ammesso di aver causato la morte del fidanzato per guida pericolosa.

Il PM Francis McEntee, in tribunale ha dichiarato che Bowman aveva dormito pochissimo ma alle 5 del mattino voleva comunque tornare a casa nel villaggio di Nenthead, Cumbria, nonostante l’avvertimento della sorella di Wilson.

“La conclusione è che stava subendo gli effetti della stanchezza. E questa è stata la principale causa dello scontro”. Rivolgendosi alla giovane, il giudice James Adkin le ha detto: “Non eri in grado di guidare, ma stupidamente ed egoisticamente hai insistito con conseguenze tragiche”. (Fonte: Daily Mail)