Copenhagen. Notte di caccia all’uomo, sirene, elicotteri, polizia mobilitata

Pubblicato il 15 febbraio 2015 9:33 | Ultimo aggiornamento: 15 febbraio 2015 9:33
Polizia aCopenhagen

Polizia aCopenhagen

DANIMARCA, COPENHAGEN – Copenhagen ha trascorso una notte fra sirene della polizia e il rumore degli elicotteri in cielo. E’ in corso una gigantesca caccia all’uomo per trovare “due responsabili” (come ha detto il portavoce della polizia) degli attentati di sabato a una conferenza per Charlie Hebdo e davanti a una sinagoga. Le forze di sicurezza hanno avvertito i residenti che non è sicuro rimanere nel centro della città. Lo riferisce il sito della Bbc.

Nella notte la polizia ha ucciso un uomo che aveva sparato contro gli agenti vicino a una stazione ferroviaria nel quartiere di Noerrebro, non lontano dai luoghi degli attentati. I poliziotti stavano tenendo sotto osservazione un indirizzo. Gli investigatori stanno accertando se l’ucciso fosse collegato con gli attacchi.

Ma dalle prime indagini condotte dalla polizia danese “nulla suggerisce che ci sia un altro attentatore”, oltre a quello ucciso dagli agenti vicino ad una stazione ferroviaria, coinvolto nelle sparatorie che hanno insanguinato Copenaghen. Lo riferisce l’investigatore Joergen Skov.