Coronavirus, 17enne si suicida perché non sopportava il lockdown. Il padre: “Pensava non ne sarebbe mai uscita”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Aprile 2020 9:22 | Ultimo aggiornamento: 23 Aprile 2020 9:22
Coronavirus, 17enne si suicida perché non sopportava il lockdown. Il padre: "Pensava non ne sarebbe mai uscita"

Coronavirus, 17enne si suicida perché non sopportava il lockdown. Il padre: “Pensava non ne sarebbe mai uscita”

ROMA – Una 17enne inglese si è suicidata “per la prospettiva di un lockdown di tre mesi” come hanno confermato i suoi genitori ai tabloid britannici.

“Era ossessionato dalle restrizioni, aveva paura che non sarebbero mai state revocate” affermano i suoi cari.

La ragazza, Beth Palmer, di Sale Moor, Regno Unito, stava studiando per diventare un’artista vocale e non aveva mai dato avvisaglie di eventuali problemi di salute mentale prima di essere trovata morta alla fine di marzo.

Suo padre ha raccontato al Sun che la figlia gli aveva detto di sentirsi “triste e frustrata per non poter vedere i suoi amici o andare al college”.

“Non ho dubbi che questo lockdown abbia avuto un ruolo importante nella morte di Beth” ha detto il papà della 17enne.

“Non poter uscire e vedere i suoi amici la faceva stare male. Si sentiva come se questo lockdown di tre mesi fosse di 300 anni. Questa storia per lei è diventata un’ossessione estrema, era come convinta che non ne saremmo mai usciti” aggiunge il genitore.

“Ora siamo devastati, è indescrivibile. Mi rattrista dirlo ma non credo che sarà sola, penso che ci saranno altri giovani, adolescenti che si sentono esattamente come mia figlia, si sentiranno molto vulnerabili, forse molto spaventati per il fatto che questa emergenza possa cambiare la loro vita” dice ancora. (fonte SUN)