Coronavirus, anatomopatologi: “Molteplici patologie pregresse su deceduti da Covid-19”

di Caterina Galloni
Pubblicato il 28 Aprile 2020 6:26 | Ultimo aggiornamento: 27 Aprile 2020 19:41
Coronavirus, anatomopatologi: "Molteplici patologie pregresse

Coronavirus, anatomopatologi: “Molteplici patologie pregresse (foto ANSA)

BERLINO – Hans Bösmüller è un anatomopatologo di Tubinga, Germania meridionale che esegue le autopsie su chi è deceduto per coronavirus.

“Sono interessato alla malattia perché sono stato contagiato”.

Bösmüller è stato uno dei primi di Tubinga a contrarre il virus.

Non sentiva più i sapori. Aveva dolori al collo, tosse e febbre.

I sintomi poi sono scomparsi, il suo sistema immunitario è stato in grado di combattere il COVID-19.

Ora è guarito.

Bösmüller, 60 anni, lavora all’Istituto di Patologia e Neuropatologia dell’Università di Tubinga.

Finora, ha eseguito l’autopsia su cinque contagiati.

L’Associazione federale dei patologi tedeschi e la Società tedesca di patologia stanno attualmente facendo appello ai medici affinché esaminino i corpi di quante più vittime possibili di COVID-19.

C’è un “estremo interesse pubblico” in ogni autopsia, afferma Karl-Friedrich Bürrig, che dirige l’Istituto di patologia di Hildesheim.

Con il team sperano di raccogliere e analizzare i risultati di centinaia, se non migliaia, di autopsie, dati da immettere nel nuovo “Registro tedesco delle autopsie COVID-19”.

Nel giro di un mese, i patologi sperano di trovare le risposte ad alcune domande.

Perché un gran numero di persone infette non presentano sintomi?

Perché altre si ammalano gravemente?

A parte i polmoni, quali altri organi sono interessati?

Quali sono le terapie più efficaci e le misure preventive?

In Svizzera i patologi hanno capito immediatamente quanto siano importanti le autopsie per svelare i misteri del virus. 

A Basilea e dintorni, hanno eseguito più di 20 autopsie mentre in Germania, al contrario, il Robert Koch Institute (RKI), il principale istituto di sanità, inizialmente aveva lanciato un allarme.

I corpi dei pazienti deceduti potrebbero essere contagiosi.

Eppure i medici legali e i patologi entrano spesso a contatto con cadaveri potenzialmente infettivi nel loro lavoro quotidiano e sono stati addestrati in modo appropriato.

A seguito di una lettera di protesta delle associazioni di patologi tedeschi l’RKI ha annullato la raccomandazione.

Klaus Püschel è stato tra chi non ha mai preso in considerazione l’avvertimento del RKI.

Per 30 anni, è stato a capo del Dipartimento di Medicina Legale presso l’University Medical Center Hamburg-Eppendorf (UKE).

Püschel eseguiva autopsie su pazienti con HIV prima che si conoscesse molto sull’AIDS.

“I morti ci danno insegnamenti sulla vita”, dice Püschel.

Finora Püschel e i 14 membri del team hanno eseguito circa 100 autopsie.

Il nuovo coronavirus presenta una sfida al sistema immunitario, ma di solito non è mortale.

Molte persone – fino all’80%, secondo il British Medical Journal – sono asintomatiche.

Le persone che subiscono morti violente o si suicidano vengono regolarmente testate.

“Ci sono stati diversi casi in cui le persone sono morte nell’ambiente domestico senza che nessuno sapesse mai che erano positive, afferma Püschel.

Come altri, ritiene che nel caso di un asintomatico abbiano giocato a favore le difese naturali dell’organismo.

“Il nostro sistema immunitario è il miglior farmaco”, afferma.

Come è stato anche per Bösmüller.

Ha uno stile di vita sano, pratica molto esercizio fisico e il suo sistema immunitario non ha avuto problemi a sconfiggere il virus.

Chi ha uno stile di vita sbagliato è più vulnerabile al virus, secondo i dati rilevati a Basilea.

Gli anatomopatologi hanno eseguito l’autopsia su 21 vittime COVID-19 con un’età media di 76 anni, con un range che va dai 53 ai 96.

Al momento del contagio, nessuno dei pazienti era in salute.

“Tutti i casi presentavano malattie pregresse e la maggior parte di loro ne aveva diverse”, afferma Alexandar Tzankov, patologo dell’Università di Basilea.

Tra le patologie scoperte dal medico c’erano ipertensione, aterosclerosi grave, ingrossamento del cuore, obesità e diabete.

“In comune tutti avevano un grave malfunzionamento dei vasi sanguigni”, afferma Tzankov.

Finora gli inediti risultati di Amburgo rivelano un modello analogo, secondo quanto riferito dalla clinica universitaria a Der Spiegel.

Püschel e il suo team hanno eseguito autopsie su 95 vittime di COVID-19.

Cinquantacinque uomini e 40 donne con un’età media di 80,2 anni e una fascia d’età compresa tra 51 e 99 anni.

L’età media degli uomini era di 79 anni e 81,8 per le donne.

Anche qui i medici hanno trovato “molteplici patologie pregresse” presenti “in ogni singolo caso”.

La causa della morte tendeva ad essere per un’infezione del tratto respiratorio, un’infezione polmonare, un’embolia polmonare o un mix delle tre.

Le malattie più comuni riguardavano il sistema cardiovascolare o i polmoni.

Ma in che modo è possibile proteggere le molte persone a maggior rischio?

Devono isolarsi fino a quando non si troverà un vaccino?

Püschel ritiene che le scuole dovrebbero essere riaperte e le persone poter tornare al lavoro.

“Sono un uomo anziano e rifiuto le misure che mi impediscono di socializzare. Vorrei giocare con i miei nipoti”.

Le regole di distanziamento sociale imposte in Germania hanno mantenuto relativamente basso il bilancio delle vittime.

“Credo che COVID-19 non sarà evidente nelle statistiche annuali”, afferma Püschel e prevede che “il numero totale di morti sarà nascosto dalle normali variazioni annuali”.

Proprio come ci siamo abituati all’influenza stagionale, sostiene che dovremo anche convivere con il COVID-19.

Püschel dagli scienziati riceve quotidianamente richieste di tessuto polmonare, cardiaco, muscolare e cerebrale.

Oltre ai polmoni, il virus sembra attacchi altri organi.

I ricercatori stanno cercando di determinare se è l’agente patogeno a invadere gli organi o se il danno è causato da una reazione eccessiva del sistema immunitario. (Fonte: Der Spiegel)