Coronavirus, nel Regno Unito farmaci antipsicotici ai pazienti con demenza per mantenerli tranquilli

di Caterina Galloni
Pubblicato il 1 Novembre 2020 12:45 | Ultimo aggiornamento: 28 Ottobre 2020 15:27
Coronavirus, nel Regno Unito farmaci antipsicotici ai pazienti con demenza per mantenerli tranquilli

Coronavirus, nel Regno Unito farmaci antipsicotici ai pazienti con demenza per mantenerli tranquilli (Foto Ansa)

Farmaci antipsicotici ai pazienti affetti da demenza per mantenerli tranquilli: è quanto avviene in Gran Bretagna, scrive il Daily Mail

Una notizia allarmante dal Regno Unito: per mantenere tranquilli i pazienti affetti da demenza durante il lockdown vengono somministrati farmaci antipsicotici “obsoleti e pericolosi esponendoli al rischio di morte prematura”.

Gli esperti sostengono che i farmaci comportano il rischio di morte prematura e sono prescritti per curare comportamenti e sintomi tra cui aggressività e agitazione.

Fino a quest’anno l’uso dei farmaci era diminuito nel timore che i pericoli superassero i benefici.  

Ma la pandemia di coronavirus ha visto aumentare le prescrizioni poiché i medici hanno cercato di mantenere sedati alcuni pazienti.

La testimonianza

La famiglia dell’86enne Lily Frost ritiene che il decesso dell’anziana donna sia collegato ai potenti farmaci assunti per placare l’agitazione notturna.

La figlia Brenda Vickers, 68 anni, di Chester, ha detto: “Il cambiamento è stato repentino. La prescrizione di questi farmaci deve finire”.

Fiona Carragher, dell’Alzheimer’s Society, ha dichiarato al Daily Express: “I farmaci antipsicotici sono un modo “obsoleto e pericoloso” di trattare i sintomi comportamentali della demenza.

“Le persone affette dalla patologia sono state le più colpite dal coronavirus, ne sono morte a migliaia. Dobbiamo prevenire ulteriori devastanti effetti a catena.

“Abbiamo bisogno di capire dove e perché si sta verificando questo aumento in modo che il sistema sanitario e sociale possa proteggere le persone con demenza e dare loro la qualità delle cure che meritano”.

Lo studio

Uno studio di Robert Howard, dell’University College London, pubblicato sulla rivista medica Lancet Neurology, ha mostrato i dati del SSN britannico e le prescrizioni a marzo e aprile sono aumentate.

A settembre, un totale di 43.352 pazienti affetti da demenza hanno avuto una recente prescrizione di farmaci antipsicotici. (Fonte: Daily Mail)