Coronavirus isola Italia: Brennero chiuso, voli vietati. Sembra Europa pre Schengen

di Alberto Francavilla
Pubblicato il 11 Marzo 2020 10:39 | Ultimo aggiornamento: 11 Marzo 2020 10:39
Coronavirus isola Italia dall'Ue: Brennero chiuso, voli vietati. Sembra Europa pre Schengen

Coronavirus isola Italia: Brennero chiuso, voli vietati. Sembra Europa pre Schengen (Nella foto Ansa, controlli al Brennero)

ROMA – Il Brennero chiuso, almeno in buona parte. L’Austria ha bloccato i treni passeggeri al confine con l’Italia. I treni merci possono proseguire dopo il cambio del locomotore. Il confine con l’Italia resta aperto al traffico merci e ai frontalieri. Camionisti e lavoratori saranno sottoposti al termoscan.

Solo gli austriaci saranno fatti rientrare nel loro Paese, dove dovranno restare per due settimane in auto-isolamento. Lo prevedono i decreti, firmati la scorsa notte a Vienna. La paura del Coronavirus ci sta facendo tornare a una Europa “pre Schengen”.

Due Paesi – Austria e Slovenia – hanno chiuso i confini. Altri – Malta, Albania, Spagna, Danimarca – hanno cancellato i collegamenti aerei e navali. Una misura, quest’ultima, adottata anche da numerose compagnie aeree internazionali, con il risultato che migliaia di italiani si trovano ora bloccati all’estero, o perlomeno costretti ad affrontare un rientro molto più complicato qualora volessero tornare a casa.

Europa spiazzata dalla chiusura dei confini

A Bruxelles, hanno fatto sapere nella capitale europea, non è stata notificata alcuna introduzione di controlli alle frontiere nel quadro della normativa Schengen che regola i movimenti di persone tra i Paesi membri dell’Unione europea. Tanto che in serata, dopo una videoconferenza tra tutti i leader Ue, Ursula von der Leyen ha fatto sapere che da domani la Commissione terrà una conference call quotidiana con i ministri dell’Interno, oltre che della Salute, “per avere un coordinamento su cosa viene fatto e perché”.

Anche i dirimpettai dell’Albania hanno sospeso i collegamenti passeggeri con l’Italia, sia aerei sia via traghetto, così come un altro Paese Ue: Malta. Solo nella piccola isola mediterranea – per dare un’idea dei disagi cui potrebbero andare incontro molti connazionali all’estero – vivono oltre 9 mila italiani residenti, ai quali vanno aggiunti almeno altri 15 mila che sono lì per lavoro, studio o turismo. Anche se le autorità di La Valletta hanno messo a disposizione dei voli per chi vorrà rientrare in Italia. A seguire ci sono state la Spagna, che ha interrotto i voli da e verso il nostro Paese, mentre in serata è arrivata la decisione della Slovenia, che ha annunciato la chiusura della frontiera “in seguito alla decisione dell’Austria”. Una scelta definita “sbagliata” dal presidente francese Emmanuel Macron.

Anche le compagnie aeree chiudono all’Italia

Alle misure di questi Paesi sono andate ad aggiungersi quelle prese da British Airways, Air France, Ryanair, EasyJet, Wizz Air, Delta e Air Canada: tutte queste compagnie hanno cancellato i voli verso gli scali italiani. Una situazione che ha scatenato l’ira del ministro degli Esteri Luigi Di Maio, da molti giorni alle prese con le restrizioni imposte via via in maniera sempre più stringente da numerosissimi Paesi del mondo sui viaggiatori dall’Italia. “Molti sospendono i voli – ha attaccato il ministro -. In futuro ci ricorderemo di tutti i Paesi che ci sono stati vicini in questo momento”.

Ma se l’Italia resta il Paese occidentale più colpito dal coronavirus, secondo ormai nel mondo soltanto alla Cina, gli altri Stati europei non ridono e seguono solo a qualche misura di distanza il cammino già percorso nei giorni scorsi dal nostro lungo la strada dell’emergenza. La Francia è quinta nella classifica globale dei contagi, con quasi 1.800 casi, seguita a ruota dalla Spagna (oltre 1.600) e dalla Germania (1.200, con tutti i 16 Laender colpiti dal Covid-19).

E’ stata proprio la cancelliera tedesca Angela Merkel a dare voce nei termini più preoccupanti all’allarme che ormai domina anche a Berlino. “Tra il 60 e il 70% della popolazione in Germania si infetterà con il virus”, avrebbe detto nel corso di una riunione interna al suo gruppo parlamentare della Cdu-Csu, stando a un’indiscrezione riportata dalla Bild. Mentre il presidente francese Emmanuel Macron ha ammesso che “siamo soltanto all’inizio di questa epidemia”.

In Europa si cominciano a chiudere le scuole.

E in tanti iniziano ad applicare nel loro Paese le stesse misure già decise dall’Italia per rallentare il propagarsi dei contagi. La Grecia ha chiuso tutte le scuole e le università.

Scelta analoga in Repubblica Ceca, in Baviera, in Macedonia del Nord, in parte della Bosnia e – fuori dall’Europa – in Qatar. Si tratta della prima volta che l’istruzione viene interrotta su una scala così globale, hanno sottolineato dall’Unesco, l’organizzazione delle Nazioni Unite per la cultura e l’istruzione. Uno dei tanti primati di questo nuovo coronavirus.

Le scuole sono chiuse già in 15 Paesi nel mondo e 14 altri hanno adottato chiusure localizzate, per un totale di 363 milioni di giovani che in questi giorni sono a casa. In attesa che passi la bufera. (Fonte Ansa)