Coronavirus, Merkel: “Tra il 60 e il 70% di chi vive in Germania si infetterà”

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 Marzo 2020 12:36 | Ultimo aggiornamento: 11 Marzo 2020 12:36
Coronavirus, Merkel: "Tra il 60 e il 70% di chi vive in Germania si infetterà"

Coronavirus, Angela Merkel (nella foto Ansa): “Tra il 60 e il 70% di chi vive in Germania si infetterà”

BERLINO  –  Tra il 60% e il 70% delle persone che vivono in Germania contrarrà il coronavirus: è la previsione della cancelliera Angela Merkel, che, secondo quanto scrive la Bild, lo avrebbe detto nel corso di una riunione interna al gruppo parlamentare Cdu-Csu a Berlino nella quale avrebbe anche criticato la reticenza di Laender e Comuni nel proibire tutte le manifestazioni con un pubblico superiore a mille persone. 

La cancelliera ha poi elogiato il comportamento del suo ministro della Salute Jens Spahn, “chiaro e concreto”, che ha confermato l’analisi della cancelliera, sottolineando appunto che se non si dovesse trovare un vaccino in tempi rapidi, il 60-70% della popolazione potrebbe essere effettivamente contagiata dal coronavirus.

Spahn ha chiarito che l’80% dei contagiati attraverserà l’epidemia senza particolari sintomi. La fascia più problematica è rappresentata, invece, dagli ultrasessantacinquenni.

L’ipotesi di un contagio di questa scala era stata avanzata in un’intervista alla Berliner Zeitung dal direttore dell’Istituto di virologia della Charité, il più grande policlinico di Berlino, Christian Drosten, che aveva dichiarato come “probabile che venga infettato tra il 60 e il 70 per cento, ma non sappiamo in quale tempo”.

Spahn ha infine ribadito ai colleghi dell’Unione che al momento l’obiettivo è mantenere stabile il sistema sanitario e la vita sociale, e rallentare la curva del contagio. La Germania dispone di 28mila posti letto per la terapia intensiva.

Ad oggi sono 1.296 i casi i contagio da coronavirus in Germania. Più colpito resta il Nordreno-Vestfalia, con 484 positivi. Seguono la Baviera con 314 e il Baden-Wuerttemberg con 237. Berlino è ferma a 48 casi registrati. (Fonti: Ansa, Bild)