Coronavirus, morto l’allenatore Francisco Garcia: aveva 21 anni

di Caterina Galloni
Pubblicato il 18 Marzo 2020 7:14 | Ultimo aggiornamento: 17 Marzo 2020 19:42
Coronavirus, Ansa

Coronavirus, morto l’allenatore Francisco Garcia: aveva 21 anni (foto Ansa)

ROMA – E’ morto in Spagna colpito dal coronavirus, Francisco Garcia, 21enne allenatore delle giovanili dell’Atletico Portada Alta di Malaga: ricoverato in ospedale per una polmonite è poi risultato positivo al Covid-19 e alla leucemia. Secondo i medici se non fosse stato affetto da un tumore del sangue sarebbe sopravvissuto.

La settimana scorsa, la Spagna ha dichiarato lo stato d’emergenza e intensificato gli sforzi per bloccare la diffusione del virus. Con oltre 8.000 casi diagnosticati e 297 morti è il secondo paese europeo più colpito dalla pandemia. In Europa, e forse nel mondo, sembra che Francisco Garcia sia la vittima più giovane del coronavirus nonché la quinta persona nella regione di Malaga, morta a causa del virus.

Il quotidiano spagnolo El Mundo ha riferito della scomparsa del giovane allenatore, affermando che la leucemia è stata rilevata solo nel momento del ricovero in ospedale.

“E’ andato in ospedale pensando di avere un brutto raffreddore ma hanno invece diagnosticato la polmonite”, ha detto una fonte al quotidiano. I medici l’hanno sottoposto a varie analisi e, oltre a confermare che era positivo al coronavirus, hanno diagnosticato la leucemia. “Ha lottato per alcuni giorni ed è morto domenica scorsa”, ha raccontato la fonte. In un commovente comunicato, il club Atletico Portada Alta ha ricordato Garcia:

“E ora cosa faremo senza di te, Francis? Come faremo a vincere il campionato? Non sappiamo come, ma lo faremo per te. Non ti dimenticheremo mai”.

Fonte: Daily Mail.