Coronavirus, rischio epidemia elevato in Cina. In Europa resta “moderato”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Gennaio 2020 19:33 | Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio 2020 19:33
Coronavirus, rischio epidemia elevato in Cina. In Europa resta "moderato"

Una donna cinese (foto ANSA)

ROMA – L’impatto potenziale di un’epidemia del nuovo coronavirus in Cina è “alto” e il rischio che ci sia una diffusione globale è considerato “probabile”. Sono queste le conclusioni a cui è giunto il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie nella sua ultima valutazione del rischio pubblicata oggi, 22 gennaio, dopo una riunione tra gli Stati membri dell’Ue. Il Centro ritiene “moderata” la probabilità di infezione di viaggiatori europea che visitano la città di Wuhan e di individuare casi importati nei paesi Ue. Tuttavia lo stesso centro ritiene “bassa” la possibilità che ci siano casi di contagio secondari all’interno dell’Ue e avverte che, a causa della mancanza di un’analisi epidemiologica dettagliata, la valutazione del rischio è soggetta a “considerevoli incertezze”.

L’Ecdc ha anche aggiornato le statistiche sui casi accertati, aumentati a 292, e delle vittime, nove, e i paesi finora interessati, con gli Usa che si sono aggiunti a Giappone, Corea del Sud e Tailandia. La valutazione del Centro europeo si riferisce a dati aggiornati alla sera di lunedì 20 gennaio. I media però riportano un bilancio delle vittime più alto, con 17 decessi registrati tutti in Cina e oltre 470 casi di infezione. Di giorno in giorno, fanno notare quotidiani come il New York Times e il Washington Post, il conto dei morti raddoppia o quasi, da 4 il 20 gennaio a 9 ieri e 17 oggi. A preoccupare gli esperti sono anche i 3 miliardi di spostamenti che i cinesi dovrebbero effettuare in questi giorni per le vacanze di Capodanno. (fonti ANSA – AGI)