Coronavirus, in Svezia 5mila decessi e niente immunità di gregge

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 Giugno 2020 14:54 | Ultimo aggiornamento: 17 Giugno 2020 14:55
svezia coronavirus ansa

Coronavirus, in Svezia 5mila decessi. Il Paese è lontano dall’immunità di gregge. Nella foto Ansa, gente nei parchi senza mascherina e distanziamento

ROMA – La Svezia ha raggiunto la soglia dei 5mila decessi per coronavirus.

Lo riferiscono le autorità sanitarie svedesi.

La Svezia che aveva puntato al raggiungimento dell’immunità di gregge sta perdendo la sua scommessa.

Il Paese ha infatti compiuto molti meno progressi di quelli sperati nella lotta al coronavirus a causa della decisione di aver applicato norme anti contagio molto blande durante la pandemia. 

I più importanti epidemiologi a livello nazionale hanno spiegato che l’aver lasciato scuole, negozi e ristoranti aperti durante la pandemia ha portato i tassi di contagio svedesi a salire più di qualunque altro paese del Nord Europa.

Di conseguenza il suo tasso di mortalità è tra i peggiori al mondo.

“Le tendenze nell’immunità sono state sorprendentemente lente, ed è difficile spiegare perché sia così”, ha spiega Andres Tegnell, uno dei più famosi epidomiologi del Paese.

L’analisi su 50mila test condotti da una società privata hanno mostrato che solo il 14% delle persone testate nelle ultime sei settimane nella regione di Stoccolma ha sviluppato anticorpi Covid-19.

Percentuale bassissima se si paragona con Bergamo, epicentro dell’emergenza Coornavirus in Italia, uno dei paesi tra i più colpiti al mondo, dove il 57% ha sviluppato anticorpi alla malattia da Sars-Cov-2.

Tegnell, nella stessa intervista ad una radio locale, ha spiegato che i dati mostrano un certo ritardo nelle misurazioni:

“Il numero di casi immuni al virus tuttavia oggi è molto più vicino alle nostre previsioni rispetto a prima”.

“Il 14% dei soggetti analizzati è un risultato che ormai è vecchio di due o tre settimane, il che significa che i livelli di immunità sono più alti oggi” (fonte: FanPage, Ansa).