Giulio Regeni, Corrado Augias restituisce la Legion d’onore alla Francia (che l’aveva data anche ad Al Sisi)

di redazione Blitz
Pubblicato il 14 Dicembre 2020 17:13 | Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre 2020 17:13
Giulio Regeni, Corrado Augias restituisce la Legion d'onore alla Francia (che l'aveva data anche ad Al Sisi)

Giulio Regeni, Corrado Augias restituisce la Legion d’onore alla Francia (che l’aveva data anche ad Al Sisi)

Corrado Augias restituisce la Legion d’onore alla Francia. Come già annunciato ieri dalle colonne del quotidiano la Repubblica, il giornalista si è recato questa mattina, 14 dicembre, all’ambasciata francese a Roma per restituire l’onorificenza ricevuta nel 2007, in segno di protesta contro la decisione dell’Eliseo di assegnare lo stesso riconoscimento, in segreto, al presidente egiziano Al Sisi.

Un gesto di solidarietà per la famiglia di Giulio Regeni, viste le responsabilità dello Stato nordafricano emerse nel caso dell’uccisione del ricercatore. “L’ambasciatore ha detto che capisce il mio gesto e che non lo condivide – ha spiegato Augias – Ho ricordato che Gheddafi nel 2009 a Roma è stato ricevuto con la banda e le bandiere, ma non gli è stata data nessuna decorazione, ed era una visita di Stato”.

“Si tratta – precisa – di una delle decorazioni più prestigiose, perché è un ordine che riconosce meriti speciali, sul piano militare, ma anche per meriti civili e sociali. Al Sisi, che ha una posizione così ambigua, poteva essere ricevuto con ogni onore di Stato ma senza quel riconoscimento aggiuntivo”.

“L’ambasciatore – conclude Augias – ha ribadito che la Francia sarà sempre in prima linea per i diritti umani. E’ stato un colloquio amaro e cordiale. Al Sisi è oggettivamente complice, in quanto capo di Stato, di comportamenti criminali compiuti da suoi sottoposti”. 

Augias: “Contento se famiglia Regeni ha apprezzato”

La famiglia Regeni “non l’ho sentita”, ma “sono contento” se hanno apprezzato il gesto, ha detto Augias a Sky TG24.

Rispondendo poi alla domanda su come dovrebbe comportarsi l’Italia nei confronti dell’Egitto, Augias ha spiegato che “sarebbe facile dare una risposta di cuore, di sentimento, e difficilissimo dare una risposta basata sulla ragione. La risposta di cuore dice tagliamo tutto e togliamo tutto: è una risposta generosa, dettata da sentimenti che ognuno sente dentro di sé, ma la conseguenza sarebbe che quarantotto ore dopo due o tre Paesi europei ci sostituirebbero velocemente e, nello spazio di una settimana, nessuno si ricorderebbe cosa c’era prima. Bisognerebbe scegliere una strada difficilissima, a metà tra la risposta della giustizia, oltre che del cuore, e la risposta della realpolitik”.

Come Augias anche Castellina, Cofferati e Melandri

Sulla scia di Augias, anche Luciana Castellina, Sergio Cofferati e Giovanna Melandri hanno seguito l’esempio del giornalista e scelto di restituire alla Francia la Legion d’onore in segno di protesta.

“Mi auguro davvero che ora anche altri esponenti politici e delle Istituzioni li seguano – ha detto l’esponente di Leu Nicola Fratoianni – e facciano anch’essi un gesto di dignità e coerenza”. (Fonti: Sky, Agi)