Costa Deliziosa, la nave da crociera chiede di sbarcare a Marsiglia. Autorità francesi dicono no

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 Aprile 2020 9:05 | Ultimo aggiornamento: 18 Aprile 2020 9:05
costa crociere

Costa Deliziosa, la nave da crociera chiede di sbarcare a Marsiglia. Autorità francesi dicono no (foto Ansa)

PARIGI, 18 APR – Il prefetto della regione di Marsiglia, nel sud della Francia, ha rifiutato l’autorizzazione alla nave da crociera Costa Deliziosa di fare uno scalo non previsto per sbarcare 1.400 persone, fra cui numerosi francesi. 

In un comunicato, la prefettura ricorda che Costa Deliziosa, che batte bandiera italiana, doveva inizialmente concludere il suo viaggio a Venezia. La compagnia, su richiesta di molti clienti a bordo, aveva chiesto alle autorità francesi di fare scalo a Marsiglia. Le stesse autorità hanno precisato ai media francesi che i passeggeri da sbarcare a Marsiglia non sono 1.400 ma “423 francesi, 4 monegaschi e 3 membri dell’equipaggio francesi”, oltre a “580 residenti in Germania, Belgio e Svizzera”.

La richiesta di sbarcare parte dei passeggeri a Marsiglia aveva come obiettivo – secondo la compagnia – di evitare a questi passeggeri “un inutile viaggio in Italia seguito da un ritorno a casa che avrebbe necessitato una nuova richiesta di autorizzazione per passare la frontiera francese”.

La Costa Deliziosa è partita da Venezia il 5 gennaio e, dopo un giro del mondo, avrebbe dovuto rientrare sempre a Venezia il 26 aprile. Dal 14 marzo, data in cui si trovava in Australia, in presenza della crisi sanitaria mondiale, le oltre 2.000 persone a bordo (turisti e equipaggio) non hanno più “toccato terra”, secondo le rassicurazioni della compagnia. 

Costa Deliziosa, autorità francesi temono casi coronavirus?

Un solo passeggero, italiano, è stato sbarcato in Sicilia con sintomi di coronavirus, ma i test su di lui si sono rivelati negativi. Dopo il rifiuto del prefetto di Marsiglia dettato forse proprio ai timori legati al Covid-19, i passeggeri dovranno ora sbarcare a Genova o a Savona (fonte: Ansa).