Craig Lundberg, il cieco che “vede” con la lingua

Pubblicato il 16 Marzo 2010 13:30 | Ultimo aggiornamento: 16 Marzo 2010 13:30

Una tecnica pionieristica gli ha cambiato la vita, irrimediabilmente segnata dall’esplosione di una granata in Iraq che lo ha reso cieco. Oggi il soldato scelto Craig Lundberg, 24 anni, di Walton (Liverpool), riesce a “vedere” grazie alla lingua.

Può leggere parole, distinguere forme e camminare senza sostegno – spiega in un reportage l’Independent – attraverso il dispositivo “BrainPort”, malgrado abbia perso completamente la vista. Tifoso del Liverpool, giocatore nella nazionale inglese dei non vedenti, Craig è rimasto cieco nel 2007, dopo essere stato colpito da una granata a Bassora.

Inizialmente gli era stata esposta la prospettiva di trascorrere il resto della sua vita con un cane guida o un bastone. Ma il ministero della Difesa lo ha scelto come prima cavia per sperimentare questo dispositivo innovativo, il cui intento è quello di rivoluzionare la vita dei ciechi.