Su curriculum scrive che parla la lingua veneta e viene assunto in Olanda

di redazione Blitz
Pubblicato il 5 gennaio 2018 6:23 | Ultimo aggiornamento: 5 gennaio 2018 2:33
andrea- tommasi

Andrea Tommasi

CENDROLE – Andrea Tommasi scrive sul curriculum di parlare la lingua veneta e viene assunto in Olanda. La storia la racconta La tribuna di Treviso: Andrea, un giovane di 22 anni che studia da tempo in Olanda, ha trovato lavoro in un hotel a 5 stelle extra lusso scrivendo che la sua lingua madre è il veneto.

Il giovane, prima dell’Olanda, viveva a Cendrole in provincia di Treviso:

“Da 4 anni, dopo il diploma al liceo scientifico Levi di Montebelluna, conduce gli studi universitari in Olanda. Perfettamente integrato nel paese delle biciclette, dei tulipani e dei mulini a vento, ha mantenuto un rapporto prediletto con la sua terra, tanto da aver deciso di scrivere nel suo curriculum, alla voce “capacità linguistiche”, che il veneto, assieme all’italiano è la sua “moedertaal”, in italiano “lingua nativa”.

Tanto è bastato per attirare l’attenzione del direttore dell’hotel Ramada della località balneare di Scheveningen. Scrive ancora La Tribuna di Treviso:

“Durante il colloquio di lavoro Andrea ha dato fuoco alle polveri, raccontando della sua regione, di Riese e del perché il veneto sia la sua lingua natale. Ora Andrea si sta laureando in scienze politiche e relazioni internazionali proprio all’Aja, sede del tribunale internazionale per i diritti dell’uomo. La sua tesi? Un lavoro sulla politica linguistica del Brasile nei confronti degli indigeni, che coniuga le nozioni apprese negli anni universitari alla passione per la linguistica”.

“Il lavoro nell’hotel non era il fine della sua carriera. Andrea Tommasi stava cercando un’occupazione che gli permettesse di continuare gli studi universitari e il suo curriculum è stato in grado di attirare subito l’attenzione del direttore del Ramada. ‘Mi ha chiesto cos’era la lingua veneta’, racconta Andrea, ‘e io gli ho risposto che, anche se altrove è poco conosciuta, è la lingua parlata maggiormente nella mia regione. Facendo un parallelo in terra olandese, il veneto è come il loro frisone, una lingua lì tradizionale e differente nel lessico e nella grammatica’”.

“Dopo questo insolito colloquio su lingue e dialetti locali, l’assunzione è stata fatta per direttissima, e tutto grazie a quel “moedertaal venetiaans”, che ha conquistato il direttore dell’hotel di lusso in riva al mare. Andrea è categorico: ‘Non c’è niente di politico dietro alla mia scelta, sebbene sappia benissimo che possa essere interpretata da alcuni in questa maniera’. (…) Ho imparato a scuola l’inglese, il tedesco e lo spagnolo e al lavoro l’olandese’, chiude Andrea, ‘non capisco perché dovrei omettere la lingua che parlo a casa e con la quale sono cresciuto”‘.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other