Cronaca Europa

Danimarca, trovato torace femminile: è la giornalista Kim Wall?

Danimarca, trovato torace femminile: è la giornalista Kim Wall?

Danimarca, trovato torace femminile: è la giornalista Kim Wall?

ROMA – Trovato nella baia di Koge, Copenhagen, un torace femminile decapitato, ed è la zona in cui la polizia danese ha cercato il corpo della giornalista svedese Kim Wall.

Un mistero che forse potrebbe essere risolto: il torace, cui mancavano testa, gambe e braccia, è stato ritrovato poche ore dopo che Peter Madsen, 46, un inventore danese accusato di aver ucciso la giornalista trentenne, in tribunale ha ammesso che la donna è morta a bordo del sottomarino da lui progettato e realizzato.

Madsen, sostiene che la Wall è morta in un incidente e ha lanciato successivamente il corpo in mare. Cambiando così la precedente versione in cui diceva che quando l’aveva lasciata a Copenhagen era ancora viva.

In una conferenza stampa, la polizia ha affermato che il torace non è stato ancora identificato; ma a trovare parte del corpo è stato un ciclista che passava nella baia di Køge, proprio il punto in cui Madsen aveva detto alla polizia di aver “sepolto” il corpo della Wall.

La giornalista svedese, scrive il Daily Mail, è stata vista l’ultima volta a bordo dell’UC3 Nautilus, insieme a Madsen e qualche giorno dopo, è stato aiutato dalla marina danese poiché il sottomarino era affondato nel porto di Copenaghen.

Era stato fotografato soddisfatto con il pollice in su ma quando la famiglia della Wall ha denunciato la scomparsa, è stato arrestato.

Gli investigatori danesi affermano di aver trovato delle prove per cui è evidente che il Nautilus è stato affondato deliberatamente.

La Wall era un giornalista freelance, laureata con un master alla Columbia University, scriveva articoli sull’identità, gender, cultura pop, giustizia sociale e politica estera.

Cresciuta in Svezia, poi vissuto tra New York e Pechino, i suoi articoli erano stati pubblicati su Harpers, The Guardian, New York Times, Foreign Policy, Vice Magazine, Slate, South Morning Post, Atlantic, Roads & Kingdoms e Time.

La Wall è salita a bordo del sottomarino di Madsen per scrivere un articolo sull’inventore. Se condannato, Madsen rischia una pena da 5 anni al carcere a vita.

To Top