Il dentista le stringe l’apparecchio e ha due mini ictus

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 marzo 2018 6:46 | Ultimo aggiornamento: 6 marzo 2018 19:49
Il dentista le stringe l'apparecchio e ha due mini ictus

Il dentista le stringe l’apparecchio e ha due mini ictus

LONDRA – La 15enne Leah, di Thorngumbald, Hull, ha rischiato di morire dopo una visita di controllo dal dentista che le aveva stretto l’apparecchio per i denti. La settimana successiva ha iniziato ad avere febbre alta, mal di testa, dolori articolari e muscolari, che in un primo momento i medici avevano diagnosticato come influenza.

La madre di Leah, Andrea Kitchen, 42 anni, vedendo che la figlia era sempre più confusa l’ha portata in ospedale; dalle analisi è emerso che Leah aveva l’endocardite, un’infezione che le ha provocato due mini ictus, e si pensa scatenata da un frammento di metallo dell’apparecchio: i batteri hanno raggiunto il cuore della ragazza.
Leah ha subìto un intervento a cuore aperto, della durata di cinque ore e mezzo, ed è rimasta in ospedale otto settimane, dove ha festeggiato il 15° compleanno, ma per tutta la vita sarà costretta a regolari controlli ospedalieri.

L’endocardite, è un’infiammazione del rivestimento interno del cuore e se non curata, può portare a una pericolosa insufficienza cardiaca.
I sintomi spesso si sviluppano lentamente per diverse settimane e possono includere stanchezza, mal di testa, brividi, tosse, mal di gola, pallore, perdita di peso inspiegabile, articolazioni e muscoli doloranti.
L’endocardite è solitamente causata da batteri, che possono entrare nel flusso sanguigno e raggiungere il cuore.
È più comune nelle persone che hanno subìto un intervento chirurgico alla valvola cardiaca, soffrono di malattie cardiache, fanno uso di benzodiazepine o hanno una scarsa igiene dentale.
Il trattamento inizia con antibiotici per via endovenosa ma per riparare i danni al cuore può essere necessario intervenire chirurgicamente.