Dieneke Ferguson, usa la curcuma contro il mieloma

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 gennaio 2018 4:51 | Ultimo aggiornamento: 4 gennaio 2018 0:21
curcuma

Dieneke Ferguson, usa la curcuma contro il mieloma

LONDRA – Dieneke Ferguson, 67 anni, di Londra, ha lottato cinque anni per guarire da un mieloma ma ora è riuscita a bloccarlo dopo un trattamento con la Curcuma.

Dopo anni di cure estenuanti senza risultati, ora la Ferguson conduce una vita normale, scrive il Daily Mail; i medici sostengono che è il primo caso registrato del recupero di un paziente che ha utilizzato la spezia indiana e sospeso le convenzionali cure mediche.
Il mieloma si era diffuso rapidamente dopo tre cicli di chemioterapia e quattro trapianti di cellule stamina e la 67enne ha iniziato ad assumere 8 gr di curcumina, una delle principali componenti della curcuma, al giorno.

Il cancro, che ha una sopravvivenza media di poco più di cinque anni, stava causando un aumento del mal di schiena e aveva già avuto una seconda ricaduta ma si è stabilizzato dopo che, nel 2011, la Ferguson ha trovato il rimedio su Internet e ha deciso di provarlo come ultima risorsa.
Le compresse sono costose, circa 57 euro per giorni, ma dato che la curcuma utilizzata in cucina contiene solo il 2% di curcumina, sarebbe impossibile mangiarne abbastanza così da ottenere la stessa dose.
La Ferguson, a cui il mieloma è stato diagnosticato nel 2007, continua ad assumere la curcumina senza ulteriori trattamenti e il numero di cellule tumorali è trascurabile.

I medici curanti del Barts Health NHS Trust di Londra, hanno scritto sul British Medical Journal:”Per quanto di nostra conoscenza, è il primo report in cui la curcumina ha dimostrato una risposta obiettiva nella progressione della malattia in assenza di trattamento convenzionale”.

Gli esperti, guidati da Abbas Zaidi, hanno affermato che alcuni pazienti affetti da mieloma hanno assunto integratori alimentari insieme a un trattamento convenzionale, ma “pochi, se non nessuno, utilizzano l’integrazione alimentare come alternativa alla terapia standard antimieloma” e aggiunto che “la paziente ha raggiunto un livello elevato  rimasto stabile negli ultimi cinque anni, con una buona qualità della vita”.
Dall’inizio del secolo, più di 50 studi hanno testato la curcumina, il pigmento della curcuma che conferisce alla spezia quel giallo brillante.
Suppongono che la spezia possa proteggere da diversi tumori e patologie come l’Alzheimer, malattie cardiache e depressione.
È stato anche dimostrato che aiuta a velocizzare il recupero dopo un intervento chirurgico e a curare efficacemente l’artrite.
Ma sebbene sia ampiamente usata nella medicina orientale, ed è stata studiata per i suoi effetti antinfiammatori e antisettici, la curcumina non è prescritta diffusamente poiché non è mai stata testata in esperimenti su larga scala.
I medici hanno scritto che “l’attività biologica della curcumina è  notevole”, inclusi i suoi “effetti anti-proliferativi in un’ampia varietà di cellule tumorali”.
Jamie Cavenagh, uno degli autori del documento, tuttavia ha sottolineato che potrebbe non funzionare su tutti i pazienti:”Molti assumono la curcumina in diverse fasi del trattamento e non mi oppongo”.
“Dieneke è la risposta migliore esaminata ed è chiaro il motivo per cui abbiamo interrotto ogni altro trattamento”.
La Ferguson, che gestisce Hidden Art, un’azienda senza scopo di lucro che aiuta gli artisti a commercializzare il proprio lavoro, è frustrata dal fatto che i medici non possano prescrivere la spezia e vuole che vengano effettuate ulteriori ricerche.
“Spero che la mia storia spinga più persone a scoprire gli incredibili benefici della curcumina”.