Emirati Arabi tracciano la mappa della “Londra pericolosa” ai turisti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Agosto 2014 23:51 | Ultimo aggiornamento: 21 Agosto 2014 23:51
 Emirati Arabi tracciano la mappa della "Londra pericolosa" ai turisti

Emirati Arabi tracciano la mappa della “Londra pericolosa” ai turisti

LONDRA – Numerosissimi ogni estate discendono su Londra, sono i turisti provenienti dal Golfo che scelgono la capitale britannica come destinazione più ‘fresca’ durante i mesi estivi, concentrandosi nei quartieri più in di Chelsea, Kensington e Mayfair, spesso con le loro auto di extra lusso, come documentato dal Daily Mail e da Blitz Quotidiano nei giorni scorsi. 

Quest’anno però sono muniti di una nuova mappa della città, elaborata dal ministero degli Esteri degli Emirati Arabi e pubblicata sul suo sito online, in cui si indicano le ‘‘zone da evitare” a Londra perché particolarmente pericolose. CosìPiccadilly diventa off limits insieme con Oxford Street, le frequentatissime strade dello shopping che vengono segnalate come ad alto rischio scippi, insieme con la zona attorno al grande magazzino Selfridge’s, particolarmente gradito ad avventori provenienti dal Golfo, che si trova appunto su Oxford Street nei pressi di Bond Street.

Ma la lista è lunga: a rischio sarebbero anche Soho e Leicester Square e gran parte del West End punteggiato da teatri, bar e ristoranti. Mentre vengono descritte come ”meno pericolose” le zone di Shepherd’s Bush e Queensway, leggermente decentrate rispetto al cuore pulsante dello shopping e del divertimento londinesi. A far scattare l’allarme hanno probabilmente contribuito recenti fatti di cronaca che hanno visto protagonisti cittadini degli Emirati: in particolare lo scorso aprile tre sorelle sono state aggredite a colpi di martello da uno sconosciuto introdottosi nella loro camera d’albergo all’elegante Cumberland Hotel. Scotland yard però reagisce, affermando che non c’è ”assolutamente alcun luogo ” a Londra che dovrebbe essere evitato. Il comandante della Metropolitan Police Makhdum Chishty ha sottolineato che ”Londra è una delle città più sicure del mondo dove il livello di criminalità continua a scendere”, scrive il Guardian.

La polemica ricorda quella che ha coinvolto il sindaco di Roma Ignazio Marino e il ministero degli Esteri britannico, che sul proprio sito aveva allertato i cittadini britannici sulla crescita della microcriminalità nella capitale italiana, suscitando le ire del sindaco.