Eton, addio divisa? La linea “modernista” del nuovo preside

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Ottobre 2015 16:10 | Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre 2015 16:12
Eton, addio divisa? La linea "modernista" del nuovo preside

Studenti di Eton in divisa

LONDRA – Eton, il college più famoso al mondo, dice addio alle divise ottocentesche. Questo, almeno, è l’intento del nuovo preside, Simon Henderson, che con i suoi 39 anni si aggiudica un primo record: quello di direttore più giovane della storia di questo college datato 1440.

Il primo record, dicevamo, ma non certo l’unico. Perché il professor Henderson si appresta a svecchiare molte delle tradizioni di Eton, scuola superiore britannica che fino ad oggi ha diplomato 19 primi ministri britannici (tra cui l’attuale, David Cameron), scrittori come George Orwell e poeti come Percy Bysshe Shelley. E lo vuole fare partendo dai costi di ingresso: oggi la retta annuale è di 35mila sterline l’anno (quasi 50mila euro), e sono concesse solo 73 borse di studio su 1.300 studenti ammessi. Henderson vorrebbe aumentare il numero di studenti ammessi anche senza averne le possibilità. 

La sua politica di svecchiamento vede anche un addio alla divisa da 6mila euro che gli studenti devono indossare: tight, gilet, pantaloni grigi e maglie a righe. Il nuovo preside, che a volte non indossa nemmeno la cravatta, punta ad alleggerire almeno il guardaroba dei suoi studenti per renderlo più simile a quello della vita reale. Stessa filosofia per quanto riguarda gli esami, come ha spiegato al Telegraph: 

 

“A nessuno nella vita reale è mai richiesto di stare due ore seduto a scrivere un testo su qualcosa senza poter parlare o consultare degli appunti. Nella vita reale si discute, ci si confronta, si lavora insieme”.