Facebook censura la Venere preistorica: il museo di Vienna si indigna

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 marzo 2018 6:30 | Ultimo aggiornamento: 20 marzo 2018 19:58
Venere preistorica censurata da Facebook

Facebook censura la Venere preistorica: il museo di Vienna si indigna

VIENNA – Censurata da Facebook la “Venere di Willendorf”, un capolavoro di arte preistorica sollevando l’indignazione del museo di Vienna dove è esposto.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela.

La statuetta di 11 cm d’altezza, raffigura una donna nuda ed è la più famosa delle veneri paleolitiche, ha circa 30.000 anni, ed è stata scoperta nel villaggio austriaco di Willendorf all’inizio del XX secolo, scrive il Daily Mail. È considerata “l’icona” del Museo di storia naturale di Vienna, come sottolineato in una nota dal direttore generale Christian Koeberl.

La Venere è “la rappresentazione preistorica della donna più popolare e più conosciuta in tutto il mondo”, ha aggiunto. La polemica è iniziata a dicembre, quando Laura Ghianda ha pubblicato su Facebook una foto della Venere diventata virale. Dopo la censura, ha scritto che “questa statua non è “pornografica”. La guerra alla cultura umana e l’intellettualismo moderno non saranno tollerati”.

Il museo di storia naturale nella dichiarazione ha scritto:”Pensiamo che un manufatto archeologico, soprattutto se iconico, non dovrebbe essere bandito da Facebook per la “nudità”, così come non dovrebbe esserlo nessuna opera d’arte”. Il social viene regolarmente criticato per i contenuti che vieta o che, al contrario, consente siano pubblicati.