La figlia di 29 anni si uccide, una settimana dopo la mamma trovata impiccata

di redazione Blitz
Pubblicato il 7 novembre 2018 5:24 | Ultimo aggiornamento: 30 dicembre 2018 22:54
La figlia di 29 anni si uccide, una settimana dopo la mamma trovata impiccata

Suicidio: la figlia di 29 anni si uccide, una settimana dopo la mamma trovata impiccata

LONDRA – A Wilton, Wiltshire, Beverley Dickenson, 49 anni, non ha retto al suicidio della figlia Charlotte di 29 anni e a distanza di una settimana dal tragico gesto si è tolta la vita con la stessa modalità. Secondo un’indagine congiunta, la Dickenson si è impiccata dopo aver trascorso la serata a sistemare alcuni effetti personali della figlia.
A trovare il corpo senza vita è stato il marito David.

Charlotte, che al momento del decesso aveva assunto alcol e cocaina è stata invece trovata dal fratello Joe che in lacrime, ha raccontato che la sorella sembrava stare bene e il giorno in cui si è tolta la vita avrebbero dovuto pranzare insieme. David, il marito di Beverley, in tribunale ha detto: “Era sconvolta per la morte di Charlotte. Mi sono preoccupato e ne abbiamo parlato ma lei ha detto che non voleva togliersi la vita”. 

Quella sera è andato a dormire e “tutto sembrava normale. Le ho dato il bacio della buonanotte”. Quando si è svegliato alle 6 del mattino la moglie non era a letto ma pensava si fosse addormentata su una poltrona in salotto. Invece ha visto la luce accesa nel capannone, è entrato e ha scoperto il corpo senza vita.

Beverley era anche preoccupata per il costo dei funerali di Charlotte, che aveva rotto con il fidanzato e si era indebitata per la droga e l’alcol. La vicenda ha richiamato l’attenzione dei media britannici e in molti hanno raccolto denaro per aiutare la famiglia a sostenere le spese dei funerali.