Il figlio non impara il Corano, lei lo picchia fino ad ucciderlo

Pubblicato il 6 Dicembre 2012 20:07 | Ultimo aggiornamento: 6 Dicembre 2012 20:19
Sara Ege e il figlio Yousuf (Foto Lapresse)

Sara Ege e il figlio Yousuf (Foto Lapresse)

LONDRA – Ha picchiato il figlio di sette anni fino ad ucciderlo perché non aveva imparato a memoria i versetti del Corano. Poi ha dato fuoco al corpo. Per questo una donna di 33 anni di Cardiff, in Gran Bretagna, è stata condannata all’ergastolo.

La donna, Sara Ege, è stata anche condannata per aver cercato di interferire con la giustizia.

Il padre del bambino, Yousuf Ege, di 38 anni, è invece prosciolto dall’accusa di non aver protetto il figlio.

All’inizio gli inquirenti pensavano che Yaseen, il bambino, fosse morto nell’incendio, ma il medico legale ha poi stabilito che il ragazzino era morto ore prima.

La madre si è detta innocente, ha accusato il marito dicendo che l’avrebbe uccisa se non si fosse presa le colpe della morte del figlio.

Alla fine, però, ha raccontato com’era andata: “Gli avevo chiesto di imparare a memoria 35 pagine in tre mesi, gli avevo anche promesso una bicicletta nuova come premio. Ma Yaseen non era bravo: in un anno aveva memorizzato solo un capitolo. Eppure lo sapeva quanto fosse importante per tutta la famiglia”.

Per questo lei l’ha picchiato, con un martello e un bastone, fino ad ucciderlo.