Francia, bambino di 9 anni ucciso a botte perché non aveva fatto i compiti

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 novembre 2018 14:22 | Ultimo aggiornamento: 22 novembre 2018 14:22
Francia, bambino di 9 anni ucciso a botte perché non aveva fatto i compiti

Francia, bambino di 9 anni ucciso a botte perché non aveva fatto i compiti

PARIGI – Picchiato a morte perché non aveva fatto i compiti. Questa la fine di un bambino di nove anni di Mulhouse, in Francia. 

Secondo quanto riferiscono i media d’oltralpe il piccolo sarebbe stato ucciso lo scorso 17 settembre a casa, nel centro di Mulhouse. Quando i soccorsi sono stati chiamati dalla famiglia per il piccolo era ormai troppo tardi: il bambino era in arresto cardio-circolatorio. I medici hanno tentato un massaggio cardiaco, ma il bimbo è morto poco dopo. 

Quell’episodio aveva fatto molto scalpore, tanto che i residenti della zona avevano organizzato una marcia in memoria del piccolo. Sul caso è stata aperta una inchiesta e sono stati interrogati i familiari del bambino presenti quella sera: il corpo del piccolo, infatti, presentava diverse ecchimosi soprattutto a livello dei piedi. 

L’autopsia e gli esami del medico legale hanno dato conferma ai sospetti degli investigatori: il bambino è stato ucciso a botte. Secondo fonti di polizia citate dai media francesi il piccolo sarebbe stato battuto con un oggetto contundente, forse un manico di scopa, dal fratello di 19 anni davanti ad altri due familiari, una sorella e la cognata. Una delle due donne avrebbe anche partecipato a sua volta alle violenze. 

In quel momento la madre del bambino non era in casa, ma sarebbe stata al corrente della situazione e avrebbe incoraggiato la punizione dovuta al fatto che il piccolo si era rifiutato di fare i compiti. I quattro familiari del bimbo sono stati arrestati.