Francia, decapitano il primo che passa: vittima lì per una consegna

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 giugno 2015 16:34 | Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2015 16:34
Francia, decapitano il primo che passa: vittima lì per una consegna

Francia, decapitano il primo che passa: vittima lì per una consegna

LIONE – Era il primo che passava, una vittima scelta per caso per il solo fatto di essere francese, occidentale, infedele. Colpevole di nulla, se non di trovarsi nella fabbrica Air Products per una consegna. Roba di qualche minuto, ma la vittima del terrorismo jihadista in Francia si è ritrovata uccisa, decapitata, e con la testa conficcata in una cancellata. Come abbiamo visto a Raqqa e nelle altre città roccaforti dell’Isis. E’ successo “da noi”, in Francia, a una trentina di chilometri da Lione. Il morto era il gestore di una società di trasporti.

Nella mattinata di venerdì una macchina è entrata a sorpresa nel cortile dell’impianto di gas industriale Air Products lanciando una serie di bombole di gas nel tentativo di far esplodere l’intero impianto. Altre bombole sono state fatte esplodere dal conducente dell’auto che ha rivendicato l’attentato con delle bandiere dell’Isis tra le mani. La stessa bandiera che ha avvolto il cadavere della vittima, trovato a pochi metri dalla testa.

Fermato ore dopo il presunto autore, Yassin Salih, un presunto complice e la moglie.

5 x 1000