Francia. Decapitazione vittima Lione prima stordita con cric e poi strangolata

Pubblicato il 30 giugno 2015 13:47 | Ultimo aggiornamento: 30 giugno 2015 14:04
Hervè Cornara

Hervè Cornara

FRANCIA, PARIGI – Hervé Cornara, l’imprenditore dell’Isere assassinato da uno dei suoi dipendenti, Yassin Salhi, è stato prima stordito con un colpo di cric, poi strangolato, infine decapitato. Lo ha detto il procuratore della Repubblica francese, Francois Molins, annunciando un’inchiesta a carico del presunto omicida per assassinio a scopo terroristico.

Salhi, che insiste nella tesi dell’omicidio con movente privato che non ha convinto la procura, ha confessato di “aver stordito il suo datore di lavoro con un colpo di cric – ha spiegato Molins – e di averlo quindi strangolato con una sola mano”.

Il tutto a 500 metri dalla fabbrica Air Products, dove poi Salhi si sarebbe fermato per decapitare Cornara dietro un furgone. “L’inchiesta – ha proseguito Molins – non ha consentito di stabilire se questa decapitazione sia avvenuta prima o dopo la morte” della vittima. Le analisi continuano.

5 x 1000