Francia. Macabra scoperta nell’ovest, piccolo cranio pescato in uno stagno

Pubblicato il 10 agosto 2015 15:49 | Ultimo aggiornamento: 10 agosto 2015 15:49
Agenti della gendarmerie

Agenti della gendarmerie

FRANCIA, PARIGI – Macabra scoperta in un stagno di Deux-Sèvres, tranquillo comune dell’ovest della Francia. Un pescatore ha ritrovato nella sua rete un teschio umano di piccole dimensioni, forse quello di un bambino, a quanto scrive il quotidiano locale La Nouvelle Republique.

L’uomo ha subito chiamato la gendarmeria, che ha inviato sul posto una pattuglia, riferiscono al giornale fonti vicine alle indagini, rimasta sul posto “diverse ore”.

La procura locale ha precisato che il ritrovamento potrebbe essere legato a un “fatto criminale”, ma al momento non ha fornito ulteriori precisazioni.

Il cranio, nel frattempo, è stato inviato all’Istituto di ricerche criminali della gendarmeria, dove saranno svolti alcuni test e verifiche, anche per tentare un’identificazione.

Lo stagno in cui è avvenuto il misterioso ritrovamento è uno specchio d’acqua di circa 10 ettari, dove è vietata la balneazione. Sulle sue rive si trovano un parco, un piccolo villaggio turistico, un’area attrezzata con giochi per bambini, spazio picnic, e un percorso sportivo. L’intera area è ispezionata dalle forze dell’ordine in cerca di possibili altri resti umani.