Francia, prete si impicca in chiesa a Rouen. Era stato accusato di violenze su una ragazzina

di redazione Blitz
Pubblicato il 20 settembre 2018 13:16 | Ultimo aggiornamento: 20 settembre 2018 13:17
Francia, prete si impicca in chiesa a Rouen. Era stato accusato di violenze su una ragazzina

Francia, prete si impicca in chiesa a Rouen. Era stato accusato di violenze su una ragazzina

ROUEN – Era stato accusato da una sua parrocchiana di atti osceni e violenze sulla figlia minorenne. E martedì 18 settembre si è ucciso, impiccandosi nella sua chiesa di Saint-Jean XXIII a Rouen, in Normandia, nel nord della Francia. E’ morto così padre Jean-Baptiste Sebe, parroco di 38 anni.

In un comunicato la diocesi scrive: “Resta incomprensibile un gesto del genere, anche se si sapeva che stava vivendo momenti difficili”. Le presunte violenze sulla ragazzina non sarebbero state denunciate alla polizia fino al suicidio dell’uomo. Secondo fonti della polizia, “una donna era andata a lamentarsi all’arcivescovado di Rouen per atti osceni e violenze sulla figlia. Ma niente era stato comunicato alle forze dell’ordine”. Anche per questo motivo gli inquirenti sono “molto prudenti” sulle cause del suicidio del giovane sacerdote.

Della denuncia “si è parlato fin dall’inizio dell’inchiesta per suicidio di padre Jean-Baptiste Sebe”, ha aggiunto il viceprocuratore della Repubblica di Rouen, Etienne Thieffry.

Nato a Strasburgo nel 1979, Jean-Baptiste Sebe si era trasferito con li genitori e i sei fratelli a Rouen nel 1989. Aveva frequentato parte dei suoi studi alla scuola superiore locale Jeanne-d’Arc. Laureatosi in filosofia e teologia, era stato nominato curato della parrocchia di Rouen Nord nel settembre del 2013. Nella sua diocesi aveva guidato diverse iniziative. Nel luglio del 2016 aveva accompagnato una delegazione di giovani pellegrini da Rouen alla Giornata mondiale della gioventù di Cracovia.