Francia-Russia. Annullamento contratto Mistral al vaglio del parlamento

Pubblicato il 10 agosto 2015 14:42 | Ultimo aggiornamento: 10 agosto 2015 14:42
Le navi Mistral

Le navi Mistral

FRANCIA, PARIGI – Il testo di compromesso tra Parigi e Mosca per l’annullamento del contratto di vendita delle due navi da guerra Mistral alla Russia verrà esaminato “dopo la pausa estiva” dal parlamento francese.

E’ quanto ha riferito il presidente dell’Assemblée Nationale Claude Bartolone. “Avremo una discussione per sapere cosa si farà di queste due navi”, ha affermato.

Nei giorni scorsi, il presidente Francois Hollande ha detto che Parigi non avrà difficoltà a trovare un nuovo acquirente dopo lo stop della vendita ai russi.

Secondo Le Monde, Egitto e Arabia Saudita avrebbero manifestato il loro interesse. La prima sessione del parlamento francese dopo la pausa estiva è prevista per il 14 settembre.

La consegna delle due navi da guerra portaelicotteri Mistral è saltata a seguito delle sanzioni imposte a Mosca per la crisi ucraina. Fonti di stampa francesi avevano indicato il rimborso chiesto da Mosca in 1,163 miliardi di dollari. La questione, afferma un comunicato del Cremlino, “è pienamente risolta”, anche se i contenuti dell’accordo non sono stati rivelati.

Il contratto, da 1,2 miliardi di euro, venne siglato nel 2011 dalla francese DCNS/STX e dalla compagnia russa Rosoboronexport. Una nave doveva essere consegnata nel 2014, l’altra nel 2015.