Francia, Sandrine Rousseau sull’eutanasia: “Mia madre, un’agonia di 9 ore”

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 Dicembre 2013 8:40 | Ultimo aggiornamento: 17 Dicembre 2013 8:47
Francia, Sandrine Rousseau sull'eutanasia: "Mia madre, un'agonia di 9 ore"

Francia, Sandrine Rousseau sull’eutanasia: “Mia madre, un’agonia di 9 ore”

PARIGI – Proprio mentre il governo di François Hollande ha riaperto in Francia il dibattito sulla legalizzazione dell’eutanasia, Sandrine Rousseau, portavoce del partito ecologista, ha pubblicato sul suo blog la sua testimonianza sul tema. La madre di Sandrine, a settembre, ha preferito uccidersi piuttosto che affrontare la sofferenza di un cancro irreversibile.

«Non è stato il cancro ad uccidere mia madre. È morta perchè si è suicidata. La sua agonia è stata lunga: nove ore di sofferenza senza assistenza medica, nove ore passate sul letto e noi ad aspettare che esalasse l’ultimo respiro».

La madre di Sandrine è morta in casa, a La Rochelle, ingerendo alcune pillole, senza assistenza medica. Un calvario e una sofferenza scelti dalla donna proprio perché per ora la Francia non garantisce il suicidio assistito.

“Mia madre ha interrotto la chemioterapia perché avrebbe solo prolungato la sua vita di qualche settimana. Tutti noi familiari avremmo preferito che lei si spegnesse in ospedale”.

Rousseau con la sua testimonianza ha preso posizione a favore dell’eutanasia legale, purché garantisca la dignità del malato: “C’è molta ipocrisia su questo tema”, ha detto.