Francia. Schultz, ”Fermiamo nazionalismi o la Ue sparirà”

Pubblicato il 8 Dicembre 2015 11:54 | Ultimo aggiornamento: 8 Dicembre 2015 11:54
Martin Schultz

Martin Schultz

ROMA -“Sono all’opera forze che vogliono dividerci. Dobbiamo impedirlo, poiché le conseguenze sarebbero drammatiche. L’Unione Europea è in pericolo: non sappiamo se tra dieci anni l’Ue di oggi esisterà ancora. Se lo vogliamo evitare, dovremo lottare duramente”.

Lo dice Martin Schulz, Presidente del Parlamento europeo, in una intervista pubblicata da Repubblica. Alla domanda se sia possibile demolire l’Unione Europea, Schulz osserva: “Una regressione è possibile, naturalmente. Ma l’alternativa è un’Europa del nazionalismo, delle frontiere e dei muri. Sarebbe devastante, poiché in passato una simile Europa ha portato alla catastrofe”.

Secondo Schulz è necessario un maggiore impegno per il mantenimento dell’Unione: “Certamente – afferma – ma molti governi prima concordano sulla cessione di sovranità all’Unione, per poi lamentare inaccettabili interferenze nella sovranità nazionale e bloccare un’azione comune. Sono gli stessi che rimproverano l’Ue perché non sa risolvere i problemi di fronte ai quali ci troviamo”.