--

Francia: violenze in aumento, prof corrono ad assicurarsi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Ottobre 2015 12:22 | Ultimo aggiornamento: 13 Ottobre 2015 12:23
Francia: violenze in aumento, prof corrono ad assicurarsi

Francia: violenze in aumento, prof corrono ad assicurarsi

PARIGI – Sono sempre di più gli insegnanti francesi che si assicurano contro il rischio di aggressioni da parte degli studenti e dei genitori, sintomo di una pericolosa trasformazione delle scuole, che stanno diventando ambienti a rischio in cui l’autorità, o meglio l’autorevolezza, dei docenti in pratica non esiste più.

La polizza contro i rischi di aggressioni e violenze nell’ambiente scolastico è stata proposta dalla mutua degli insegnanti transalpini, il gruppo Maif, e copre le cure mediche, indennizza con una somma di denaro per i giorni in cui non è stato possibile lavorare, fornisce assistenza psicologica contro i traumi subiti e tutela legale contro denunce.

Sono tantissimi i docenti che si sono assicurati, il 55% di tutto il corpo docente attivo, incoraggiati anche dal prezzo contenuto della polizza, circa 40 euro, ma sono poche le aggressioni non gravi denunciate, soprattutto perché i docenti non se la sentono di sporcare la fedina penale dei ragazzi, spesso minorenni.

Si tratta di una “assicurazione anti-insulti”, o “anti-minacce”, e secondo le testimonianze raccolte dal giornale c’è chi la considera “un sostegno indispensabile, anche se si spera di non servirsene mai”. Le paure dei prof, spiega una giovane insegnante, è “ritrovarsi soli di fronte a un genitore o a un alunno ingestibile”, senza che i colleghi o il personale possano intervenire in loro difesa.

Anche in Italia il fenomeno è in crescita, con tanti genitori che negli ultimi anni si sono trasformati in una sorta di “sindacalisti” dei propri figli-alunni. Il fenomeno delle assicurazioni contro eventuali danni subiti dall’ipotetica loro furia, però, dovrebbe essere ancora contenuto.